mercoledì 22 maggio 2019

ΣΠΑΡΑΓΜΟΣ - Ad Antea


baccante


I sentieri sofferti del tuo capo,
che stilla grazie contorte ed ombrose,
mi hanno insegnato un pensiero d’abisso:
non giungeremo all’altra riva puri,
anime in un’interezza di soffio.
Il nostro spirito è bianco soltanto
perché le passioni vi si scrivan fonde,
in rivoli di dolore vermiglio.
E la scelta è tutta fra disciogliere
la nostra Terra nell’Ocean primo,
o seguire il desiderio stupito
che la Vita –disse un vate (1) – ha di sé;
così dobbiamo spartirci le carni
fra gli angeli dalle labbra di porpora
che ci reclaman dall’alba del grembo.




(1) Riferimento al Profeta di Gibran Kahlil Gibran (“Sui figli”).

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.