mercoledì 1 maggio 2019

Il professore e il pazzo: l’insostenibile valore della follia



Un film sulla nascita dell’Oxford English Dictionary. Cosa si potrà mai raccontare sulla stesura di un dizionario? Non sarà una barba tremenda? Ebbene… pare di no. 
il professore e il pazzo mel gibson sean penn
James Murray (Mel Gibson) e W.C. Minor (Sean Penn).
Fonte: myredcarpet.eu
Il professore e il pazzo (2019; regia di Farhad Safinia) è fin troppo ricco di emozioni forti. Perché, in fondo, racconta di un folle volo. Documentare ogni parola esistente in lingua inglese, con relativa storia e attestazioni… Una lingua parlata in un impero multicontinentale e in continua evoluzione. Codificarla equivarrebbe a scrivere il libro della realtà. Un libro divino.
Esperienza, metodo e competenze servono - ma non bastano. Ci vuole quella scintilla che i selezionatissimi e freddi accademici di Oxford, nella seconda metà dell’Ottocento, non hanno. Ecco perché debbono affidarsi a James Murray (Mel Gibson): insegnante autodidatta, senza laurea, figlio di un sarto. I professori propriamente detti non nascondono la loro sfiducia verso di lui. Eppure, Murray conosce una marea impressionante di lingue, antiche e moderne. Può raccontare la storia di qualsivoglia vocabolo all’impronta. Ama la Parola con l’amore di un pazzo.

            Nel frattempo, un altro pazzo - quello del titolo - sta scontando la sua pena in un manicomio criminale. Affetto da paranoia e schizofrenia, il dott. William Chester Minor (Sean Penn) è convinto che “L’Irlandese” irrompa nottetempo in casa sua per torturarlo e ucciderlo. Inseguendo le sue allucinazioni, ha ucciso un passante, lasciandone la moglie vedova con sei figli da sfamare.
Il suo fantasma è quello di un soldato che lui, chirurgo militare americano, ha dovuto marchiare a fuoco come disertore. A quello, si aggiunge lo spettro dell’uomo ucciso. Come sfuggire a nemici interiori, nati dalle notti piene di rimorso? Come potersi fidare di una mente un tempo brillante, ma che l’ha portato a commettere un orrendo delitto?
            Nei libri e nelle parole, Minor trova riscatto e libertà. Per la sua impresa, Murray ha infatti capito che non basta confidare in un ristretto numero di accademici. Una lingua vasta e mobile come il mondo può essere descritta solo grazie a tutto il mondo. Ognuno è chiamato a collaborare, inviando parole e relative attestazioni letterarie. Minor diviene il più solerte e fruttuoso corrispondente di Murray, salvando la sua folle opera.
            E la vedova? Eliza Merrett (Natalie Dormer… sì, lei: la Margaery Tyrell di Game of Thrones) non sa più cosa fare, per nutrire e vestire i figli. Nemmeno il mestiere più antico del mondo le è d’aiuto. Finisce per accettare l’offerta di Minor: ricevere una parte consistente della sua pensione. Dopo quella prima visita, in cui ha voluto vederlo distrutto e prendersi i suoi soldi, Eliza gliene fa un’altra… poi, un’altra ancora… Nemmeno lei sa perché. Non sa realmente perché abbia bisogno di rivedere quell’uomo che sta mettendo ai piedi di lei tutta la propria vita, per rimorso. Un rapporto fra colpevole e vittima? Il pentimento davanti alla misericordia? O… si tratta di altro?
            Il professore e il pazzo, col pretesto del dizionario, ci mostra il libro di tre vite che vanno scrivendosi, sfidando l’opinione pubblica e tutto quanto credevano di sapere di sé. Anche loro, come la lingua inglese, cercano un dixit definitivo, la fissazione delle certezze. Sappiamo fin dall’inizio che sarà impossibile. Ma un’impresa folle, una volta lanciata, sparge i propri semi. È inarrestabile. Nel mutamento perpetuo c’è l’eternità. Ed essa non può che essere creata dalla pazzia: quella dell’amore.

2 commenti:

  1. Ciao Erica, bel post! Anch'io ho scritto di questo film, vorrei confrontarmi con te sull'argomento...
    https://pomeriggiperduti.home.blog/2019/04/15/il-professore-e-il-pazzo-passando-per-de-andre/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie! 😊 Anch'io ho letto il tuo post: è stupendo!!

      Elimina

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.