domenica 10 giugno 2018

Ma quanto è bello l'amore romantico...


Ma quant’è bello l’amore romantico, in cui “io sono tua, tu sei mio” (c’è pure una carta del notaio che lo dice) e - se guarderai altri un po’ troppo a lungo - ti leverò la pelle a schiaffi. 
amore romantico per sempre lucchetto

            Che bello essere una diade - anzi, una monade - assoluta, rinforzata con ogni chiavistello possibile contro il mondo esterno. In cui dovremo restare rinserrati ogni giorno della vita, anche quando non avrà più senso. Anche quando saremo cresciuti come persone, i motivi che ci avevano unito non esisteranno più - e guardarsi negli occhi avrà un solo significato: “Ti ammazzo!”
            Non vedo l’ora di non poter più respirare senza metterne al corrente la Dolce Metà - perché “io e te siamo una cosa sola e, se osi fare una mossa in autonomia, mi ferisci… perché metti in discussione tutto quello con cui cerco di riempire le mie fragilità!” Ignorando il fatto che le fragilità si possono rinsaldare solo lavorando su se stessi, o in nessun altro modo.
            Che bello dover essere, tutto in una volta, perfetti amanti, amici, intellettuali, protettori, coccolini, amministratori domestici… un mucchio di cose di cui sarebbe già tanta grazia perfezionarne una. Dato che l’amore romantico non ammette intrusioni di terzi, la stessa persona deve eccellere invece in tutte queste specialità. Ec-cel-le-re, sottolineo. Perché l’amore romantico deve essere un Empireo di soddisfazione e felicità intatta. Al proprio interno, s’intende. All’esterno, bisogna andarsi a cercare tutti i grovigli possibili, sfasciare famiglia, lavoro, amicizie, salute, cervello stesso. Perché non è vero amore, se non è tormentato e assoluto.
            Che bello sentirsi morire e accarezzare il suicidio, quando la storia finisce. Perché è naturale che finisca: i rapporti sono organismi viventi e mutevoli come le persone; possono trovare un nuovo equilibrio o morire. In ogni caso, non sono sfere eterne e cristalline. Ma l’amore romantico è un Dio geloso come quello biblico: non ammette l’ “infedeltà”, figuriamoci la fine. Gli hai dato tutto; a te non è rimasto alcunché.
            Meglio ancora dover fingere di aver subito una gran perdita, quando invece non t’importa più una pagliuzza del tuo ex-grande-amore-della-vita. Che diamine! Almeno una lacrima, per mostrar contrizione verso il Supremo Dio dell’Amore! La “serietà” nei sentimenti non ammette buonsenso. Ma la vostra coppia era una scatola vuota da tempo - lo sapevi, lo sapevate. E, no, non è vero che, se nessuno dei due soffre, vuol dire che la storia non è mai iniziata. Può voler dire anche che siete cambiati insieme e che siete pronti per congedarvi serenamente. Può voler dire che, dopo una lunga e tranquilla crociera, avete voglia di corseggiare, girare isole tropicali dove troverete tesori nascosti da rimettere subito in gioco, su navi veloci adatte all’arrembaggio. Che avete voglia di conoscere la vita così com’è. Varia, meravigliosamente imperfetta - e assai poco romantica.



Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.