sabato 18 marzo 2017

Un Carnevale da ricordare, tra passato e futuro

Quello del 2017, per Manerbio, sarà un Carnevale da ricordare. Il 18 febbraio, il palazzo comunale è tornato al 1717, con una “Serata in pompa magna”. In piazza C. Battisti, quella sera, sono giunti in calesse i conti Luzzago (alias compagnia “Le Muse dell’Onirico”): Trivulzio Vero Omo de ‘na Volta, detto il Ciurda, e la consorte, Clitolde Filippona d’Aragosta in Luzzago. Con loro, c’erano i figli: Atlante Can de Caio e Gazza Ferrea Menta; poi, la nuora Sgomenta Tirella, vedova de la Motella in Luzzago, la sorella della contessa (Annetta Brocola Lusarda D’Aragosta) e una dama di compagnia: Turtella Ciara Ripiena da Crevalcore. I conti hanno assistito al Palio delle Bestiazze: gara di corsa fra squadre travestite da animali. Tra i figuranti, c’erano anche i giovanotti venuti dalla Guinea per richiedere asilo politico, che hanno ringraziato i manerbiesi con una poesia. Di poeta era presente anche il RimAttore, Pier Paolo Pederzini da Crevalcore (BO): un improvvisatore di rime. 

Nel portico del municipio, erano state allestite una locanda e una pasticceria, per una cena proposta dagli Alpini e dall’oratorio. Qui, si è consumata la “Luzzagonovela”: la locandiera (“donna” di dubbia avvenenza) ha presentato Eneo Tiralo Quinto de la Putanesca, figlio d’un suo peccato di gioventù col conte. Il vecchio Trivulzio ha lasciato a lui tutta l’eredità… di debiti.
Dopo un minuetto e alcuni versi burleschi del veneziano Giorgio Baffo (1694-1768), è arrivata la seconda puntata: il RimAttore/usuraio ha requisito e messo in palio alla lotteria un loro prezioso anello (opera di Gianmaria Donini). La serata si è conclusa con l’elezione del primo Re Zuccone (l’uomo con la testa più grande). La sua corona, sempre realizzata dal Donini, rimarrà di proprietà del Comune. Sono stati presenti anche un coro e la musica settecentesca dal vivo.
            Il 25 febbraio, è stata la volta del “Carneàl MemoRABIL”, al Teatro Civico: “Chèi dè Manèrbe” e il rapper dialettale Dellino Farmer hanno festeggiato ricordando il poeta locale Memo Bortolozzi (1936-2010). Il Ciambellone di Corte, alias Nicola Bonini, ha presentato la serata. I classici di Dellino (“Fés”, “Oflàga”, “No pago pirlo”, “Sènsa vi”, “P.O.T.A.” e altri) si sono sposati bene coi componimenti del Memo: “L’osèl ferìt” (doppio senso nato dalla cattura di un uccellino in chiesa); “El capo” (lite fra le parti del corpo per la supremazia); “Al vestàre” (ovvero, come essere di peso ai genitori quando li si aiuta). Sono stati riproposti sketch sempreverdi: “Zènt che pómpa”, dimostrazione della potenza dei pettegolezzi; “Cliènt sènsa memória” (un tale entra in un negozio di vestiti, ma non ricorda cosa gli occorra…); il “bilancio sessuale” di due coniugi; un accenno a “I promiscui sposi” (parodia del capolavoro manzoniano). Sul palco, sono saliti anche i Cantùr dè Örölaècia, coi Menaguajos: musici messicani propensi alla… scaramanzia?
Dellino Farmer, in veste di sindaco, ha elogiato l’operosità dei bresciani e ha incoronato l’imperituro Ambrognàga re del Carnevale. La novità dell’anno era sua moglie: Madàma Galèta.
           
“Chèi dè Manèrbe” e la corte del Re Albicocca si sono ritrovati il giorno dopo in piazza C. Battisti, per la “Rivolta degli Ortaggi”. Frutta e verdura d’ogni forma e dimensione ha accolto i bambini mascherati, per scortarli all’oratorio e assistere alla premiazione del gruppo e della maschera più belli. I vincitori sono stati grappoli d’uva viventi e una leonessa col suo leoncino. L’AVIS rifocillava i presenti.
            Il pomeriggio del 28 febbraio, in luogo della festa all’oratorio “S. Filippo Neri”, è stata offerta ai bambini una proiezione di “Matilda 6 mitica”. Un cambio di programma, a causa della pioggia. Del resto, a Carnevale ogni scherzo vale. Anche per il tempo atmosferico.


Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 118 (marzo 2017), p. 9.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.