mercoledì 1 marzo 2017

Le rose della notte - III, 2

Parte III: Il canto della mosca



2.

Diana, di scatto, allontanò da sé il manuale dalla copertina patinata e si prese la testa fra le mani. Il suo compagno di tavolo – un ragazzo con zazzera ondulata e occhiali cerchiati di celluloide – la guardò, lievemente accigliato, e spostò la propria tazza di cappuccino al latte di soia. Quel moto sembrò riscuotere la ragazza. Verificò rapidamente di non aver rovesciato il mezzo guscio di noce di cocco contenente le bustine di zucchero e che non ci fossero macchie sul piano in legno.
            Il “Sottovento” era pervaso da note di reggae. La Marisa badava ad asciugare alcuni bicchieri. Era pomeriggio e c’era poca clientela – gli studenti del polo S. Tommaso sarebbero arrivati solo di lì a due ore. Quei pochi – come lei – cercavano di studiare qualcosa, magari con le cuffie nelle orecchie. 

Diana guardò il fondo grumoso della tazzina e si domandò se le servisse altro caffè. Ma la sua mancanza di lucidità, forse, non dipendeva nemmeno da quello – più che altro, da un ronzio che non abbandonava il suo encefalo. Si voltò verso lo spazio fra il bancone e l’ingresso. In una teca di vetro, insieme a libri usati da rivendere, l’ottima Marisa aveva posto in mostra il CD appena inciso dai “Pains of Odin”. La copertina mostrava, su sfondo nero, un frassino dalle forme alterate e contorte, con radici di cui non si distingueva l’origine; una lancia rossa colpiva il tronco al cuore. Vi erano comprese canzoni suonate allo “Spaziomusica” – sì, anche Sky on Fire. «Era dedicata a te…» aveva sussurrato Diana a Margherita, allacciata al suo serico corpo, dopo il concerto. L’altra aveva spalancato quei deliziosi occhi castani (trasparenti e quasi dorati, da vicino) e le aveva regalato un sorriso beatifico.
            Ora, la cantante si ritrovava ad attendere, sul cellulare, una chiamata della sua musa, stranamente trasognata, negli ultimi tempi. Il suo volto dalle labbra chiuse, come un bozzolo, pareva sempre sul punto di annunciarle un mutamento – ma impossibile da definire.


[Continua]

Pubblicato sul quotidiano on line Uqbar Love (28 febbraio 2017).

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.