sabato 11 marzo 2017

Elogio della Follia

“Spesso sento delle voci. Mi rendo conto che, ammettendolo, finisco nel novero dei pazzi, ma non me ne importa più di tanto. Se si crede, come ci credo io, che la mente voglia guarire se stessa, e che la psiche cerchi la coerenza e non la disintegrazione, non è difficile concludere che la mente produrrà quello che serve per raggiungere il suo scopo. 

            Si presume che chi sente le voci compia azioni efferate; le sentono gli assassini e gli psicopatici, e anche i fanatici religiosi e i kamikaze. Ma in passato le voci erano un dono e un privilegio. I visionari e i profeti, lo sciamano e la guaritrice. E, naturalmente, i poeti. Sentire le voci può essere una cosa buona.
Impazzire è l’inizio di un processo. Non dovrebbe esserne il risultato finale.
            Lo psichiatra Ronnie Laing, il guru che negli anni Sessanta e Settanta fece diventare di moda la follia, la considerava un processo che può portare da qualche parte. Quasi sempre, però, la follia è talmente terribile per chi la sperimenta, o per chi ne è spettatore, che l’unica soluzione sono i farmaci o una clinica.
            E il nostro parametro per la follia è in continuo mutamento. Con ogni probabilità, la tolleriamo meno ora di quanto l’abbiamo tollerata in qualsiasi altro periodo storico. Non le diamo spazio. E, fondamentalmente, non le diamo tempo.
            Impazzire richiede tempo. Rinsavire richiede tempo.”

JEANETTE WINTERSON


Da: Perché essere felice quando puoi essere normale?, Milano 2012, Mondadori, pp. 155-156. [Traduzione di Chiara Spallino Rocca].

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.