mercoledì 31 agosto 2016

La nipote del diavolo - III, 8

Parte III: Colloqui



8.

Finalmente, Nilde e Michele Ario erano l’uno di fronte all’altra – la katana stretta da ambedue le mani e puntata all’altezza degli occhi dell’avversario. Eppure, non c’era traccia di sudore, sulle loro fronti. Riuscivano a gustare la brezza primaverile che soffiava sui loro volti, talora, qualche petalo di ciliegio. La luna illuminava lo spiazzo in cui si trovavano. Irene Serra assisteva nell’ombra.
           
Le spade cominciarono un colloquio muto e argentino, disegnando archi nell’aria. Si interrogavano, si provocavano, si rispondevano, si abbracciavano e si discostavano, come corpi. Quella di Nilde descriveva sei anni di silenzio trascorsi per amore dell’incolumità di un altro, nella paura che non uscisse più vivo dalla casa dello zio. Descriveva l’orrore d’essersi ritrovata in una bara, con le membra che non le rispondevano e l’encefalo ottuso dalla nausea. Urlava il desiderio di formarsi una famiglia sua, con qualcuno che non fosse un farabutto manipolatore. E spandeva il rimpianto per non aver mai pronunciato vere parole d’affetto per quell’uomo chiuso e ambiguo, che – forse – non aveva osato mendicare l’amore della nipote. Lo faceva, in quel momento, la katana di Ario. Mentre la lama sfiorava le carni della ragazza, essa le rimproverava ferocemente i bronci infantili, gli atti di sfida, i mutismi, il sarcasmo. Così come il desiderio d’obbedienza e attenzione da parte dello zio non aveva potuto toccare Nilde in tutta la propria vita, così il taglio della spada non la raggiungeva mai. I fendenti dell’uomo tracciavano anche un racconto che lei non poteva intendere: quello di sua madre, sola con il cognato in quello studio ove lo psicologo aveva osato parlarle unicamente di fiducia nella vita, senza mai proporgliene una con lui. Quando la katana di Ario terminò la triste storia, fu come se lui stesso si consegnasse alla lama di Nilde. La sua caduta parve lieve, come un petalo di ciliegio.

[Continua]

Pubblicato sul quotidiano on line Uqbar Love (30 agosto 2016).


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.