giovedì 17 dicembre 2015

Per non dimenticarti



Senza memoria, non c’è cultura. Un ritornello che parte dai miti greci e arriva nella quotidianità manerbiese. Per avere un tessuto di letteratura locale, per l’appunto, è indispensabile ricordare chi è stato generoso di versi e prose. Come Memo Bortolozzi (1936-2010). 

            Il 14 novembre 2015, è andato in scena al Teatro Civico di Manerbio (ormai intitolato proprio al poeta) lo spettacolo “Pèr mia desmentegàt” (= “Per non dimenticarti”). Una serata di satira o, meglio, di satura: una pirofila colma di ogni pietanza letteraria tratta dal repertorio di “Chèi dè Manèrbe”, la compagnia teatrale locale. Ad arricchire ulteriormente l’offerta, si sono aggiunti due gruppi folk della provincia bresciana: “I Cantùr dè Örölaècia” e “I Màcc dè le ùre”. La direzione era toccata ad Angela Maria Bortolozzi, sorella dell’autore.
            Lo spettacolo è stato inaugurato da un prologo a metà fra realtà e impossibilità: Daniela Capra ha recitato un difficile soliloquio, in cui dialogava con l’ombra del Memo ed evocava la presenza dei suoi amici, dei primi attori delle sue commedie. Daniela stessa è figlia di una compianta stella del teatro manerbiese, Piera Fiorini.
            La locandina prometteva emozioni “dólse, salàde e ‘mpeeréte” (= “dolci, salate e piccanti”), come recita il titolo di una raccolta poetica di Bortolozzi. Il primo tempo è stato dedicato ai sapori languidi o moderatamente frizzanti. I versi del Memo hanno ricordato ai presenti la fatica e la bellezza del fare “Poezìa ‘n dialèt”, o la sensazione di fare un “Viàs an foresterìa” passando davanti a vetrine dai nomi esterofili. Perché la lingua non è neutra: è espressione di un mondo e di un modo di vivere, come ha ricordato il presentatore Nicola Bonini.
            Il caleidoscopio è proseguito, con la piazzetta dove giocavano i bambini nell’era pre-PlayStation, i colori dell’anima, le parole di una persona amata che sono come preziosi chicchi di melograno. L’introspezione del Memo è risuonata ironica come sempre, con l’autoritratto di “un gran bel ragazzo di cinquant’anni”, la paura di dipendere “dai cretini e dai ruffiani”, una trottola immaginaria che sanciva la complicità col nonno.
            Non è mancata, naturalmente, la presenza di Luigi Damiani, compositore di musiche per “Chèi dè Manèrbe”. La sua voce baritonale e il suo pianoforte hanno eseguito “La cansù dè Burtulì”.
            A sorpresa, sul palco, scoppiettavano le “šmelegösie”, scioglilingua e pensieri sparsi del Memo.
Il programma comprendeva anche assaggi di altri scrittori manerbiesi. Una neolaureata ha proposto un breve collage poetico di immagini care al Memo, “Chèl che l’è restàt”. Sua era anche una scenetta dialettale tratta da una barzelletta: satira degli aggeggi elettronici che sembrano aver sempre più spazio nei rapporti umani. Un più maturo autore ha denigrato “I viàs de cèrta zènt”, fatti solo di alberghi e di donne, e ha rimpianto di non esser più giovane, “Adès” che i desideri di una vita sono realizzati.


            Un “bollone rosso” è stato poi presentato al pubblico, per avvisarlo che sarebbero cominciate le emozioni “ ‘mpeeréte”. Un’elegantissima signora ha declamato la Storia della Scorreggia”, un’esperienza che caratterizza l’umanità, a partire dai personaggi più illustri. Il gran finale è stata un breve “atto unico” del Bortolozzi: “Fermàda dè la coriéra”. A metà della tratta Brescia-Cremona, diversi esemplari di umanità si sono incontrati, coi rispettivi assilli. Niente come gli orari e la fretta, per l’appunto, sembrano esternare ciò che sta più a cuore.
            La conclusione, a sorpresa, è stata affidata a una poesia composta in onore del Memo: un esemplare di umanità davvero unico, che se n’è andato (come spesso succede) prima di vedersi del tutto riconosciuto.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 103, dicembre 2015, p. 25.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.