Passa ai contenuti principali

Una passione senza crisi


La casa editrice Salani è cresciuta con l’Italia. Una mostra ha festeggiato i suoi 150 anni di vita. Da essa, è stato mutuato il titolo della lectio magistralis della direttrice editoriale Mariagrazia Mazzitelli: “Da Pinocchio a Harry Potter:  la cucina dei best seller”. Essa ha inaugurato la 6^ edizione del Master di I livello: “Professioni e prodotti dell’editoria”, organizzato dal Collegio Universitario S. Caterina da Siena, in collaborazione con l’Università degli Studi di Pavia. Sarebbe seguita la presentazione del libro realizzato dai masteristi, come consueto compito di fine corso: “Inchiostro proibito. Libri censurati nell’Italia contemporanea” (Edizioni Santa Caterina). Nella sala conferenze “Enrico Magenes”, il 14 febbraio 2013, la rettrice Maria Pia Sacchi Mussini ha annunciato che le classi del master sarebbero state due, anziché una, causa aumento di iscrizioni. Fra i masteristi, spesso, si ritrovano laureati di campo umanistico. Per questo, era presente la prof.ssa Carla Riccardi (dipartimento di Studi Umanistici, sez. di Scienza della Letteratura e dell’Arte Medievale e Moderna). L’offerta di una preparazione professionale specialistica fa parte dell’impegno dell’ateneo pavese a orientare gli studenti nel mondo del lavoro.
La dott.ssa Mazzitelli si è presentata come uno di quei giovani che, “dal Sud”, guardavano alla Lombardia. Per l’appunto, si laureò a Milano (Lingua e letteratura russa) ed entrò subito nel mondo dell’editoria. Erano gli anni ’80 e la situazione economica era quasi l’opposto dell’attuale. Del suo mestiere ha sottolineato la natura cooperativa. A decidere di durevolezza e qualità d’una casa editrice è l’équipe che la compone. Ne è esempio l’Einaudi primonovecentesca: quella dei coniugi Ginzburg, di Norberto Bobbio, Massimo Mila, Cesare Pavese, Giaime Pintor. La cultura umanistica e l’intelligenza sono applicate agli obiettivi concreti dell’imprenditoria: soprattutto, alla necessità di vendere i prodotti. Si richiede, dunque, un lavoro di interpretazione del presente. L’équipe editoriale deve fiutare il clima storico e sociologico, capire di cosa il pubblico senta il bisogno. Deve arrivare al cuore dei lettori in modo semplice e diretto, come lo è la comunicazione efficace. Laddove ciò avviene, l’editore riesce a far recepire al vasto pubblico anche romanzi di qualità finissima. In caso di traduzioni, si aggiunge la sfida di indovinare se un best seller straniero potrebbe essere tale anche in un altro Paese: ovvero, se esista un ponte fra due mentalità e situazioni storico-sociali. È successo sicuramente con la saga di Harry Potter, successo intercontinentale  che ha fatto uscire la letteratura per ragazzi dal limbo dei sottogeneri. Le children’s stories, molto curate nei Paesi anglosassoni, sono state anche l’asso nella manica della collana “Gl’Istrici”. Pubblicata, appunto, da Salani, ha denominato una generazione. Si aprì  nel 1987, con “Il GGG” di Roald Dahl e “Pippi Calzelunghe” di Astrid Lindgren. Le traduzioni mediocri e il formato tascabile, inizialmente, allontanarono il pubblico, abituato a libri per bambini in edizioni “da regalo”. Le edizioni posteriori, invece, videro il successo di questa collana pungente, critica e “dalla parte dei più piccoli”. Nulla a che vedere con gli “alti sentimenti” deamicisiani o il didascalismo di Collodi. Piuttosto, un mondo alla rovescia, in cui i bambini realizzano scherzi surreali, fanno un uso magico della propria intelligenza e trasportano gli amici sulle “isole deserte” dell’immaginazione.

La mostra per i 150 anni dalla fondazione della casa editrice Salani ha visto una gran partecipazione di pubblico. Famiglie con bimbi al seguito e vecchi lettori a caccia di pagine della propria infanzia. Contrariamente ad altri prodotti in commercio, il libro s’incunea nell’uomo e, a volte, getta il seme di passioni durevoli: “Sono diventato astrofisico, perché quel romanzo mi ha incuriosito sulle stelle, da bambino…” Fra queste passioni, anche l’editoria stessa: un invito a saper inventare e reinventarsi, a dispetto d’ogni crisi.
 
Inchiostro (Pavia), aprile 2013, pag. 18.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Non ho figli perché..." È andata così

  Un'altra testimonianza, stavolta più serena:  Non lo so. È andata così e non mi sono fatta troppe domande. Fin da bambine, le mie amichette esprimevano il desiderio di avere figli. Per me non era così, ma non è stato un problema.

Le Donne Oltre di Manerbio e i social media

  La vita di un’associazione, certamente, non può ridursi all’ambito dei social. Ma è innegabile che, al giorno d’oggi, la comunicazione on line sia indispensabile. Dunque, le “Donne Oltre” di Manerbio cercano di valorizzare la propria pagina Facebook.      Ovviamente, su di essa, compaiono i video finanziati dal Comune di Verolavecchia e realizzati in collaborazione con la compagnia teatrale “Ribalta Pazza” : tre clip sui pregiudizi di genere e le forme “invisibili” di molestia sessuale .     Più “allegro” è il post sul Giocamerenda , il progetto riguardante Donne Oltre e le scuole elementari di Manerbio. Fu avviato nel 2011. L’attività impegna più di dieci fra volontari e volontarie per due pomeriggi a settimana, con un gruppo di circa venticinque bambini. Si tratta di offrire loro merenda e svago, fra giochi organizzati, canzoni, disegni, teatro e racconti. Ovviamente, le tematiche delle attività sono legate al superamento degli stereotipi e al rispetto fra i generi. Il Giocamere

"Il peso dell'ombra": una nuova raccolta di poesie

Nel 1814, Adelbert von Chamisso pubblicò il romanzo Storia straordinaria di Peter Schlemihl. Il protagonista eponimo è giovane e povero. Uno strano uomo (il demonio sotto mentite spoglie) gli offre uno scambio: infinita ricchezza, in cambio della sua ombra. Peter accetta ed è convinto d’aver concluso un ottimo affare.              Invece, la sua vita diviene sempre più amara e solitaria. Perché quell’ombra, apparentemente così inconsistente, era il marchio della sua concreta umanità. Era il segno del suo essere reale e vero. Senza ombra, non c’è una persona, ma solo un fantasma. Un vuoto.             Ecco, dunque, che l’ombra ha un peso. Tutto quel che è escluso dalla convenzionalità, che teniamo per noi e che – solitamente – non curiamo è ciò che fa di noi persone vere, a tutto tondo. Non potremmo dire di esistere, se non avessimo qualcosa d’indicibile: un amore che ci ha fatto male, una discesa nel sogno o nella morte, un momento di epifania.             Non chiederci la parola