martedì 12 febbraio 2013

Meritocrazia


Va molto di moda, negli ultimi anni, il termine meritocrazia, in riferimento alle politiche in materia d’istruzione pubblica. È arrivato ai tavolini dei bar sotto lo scorso governo Berlusconi, retto da un partito che, nella scelta del proprio organico, l’ha applicato nel modo noto. (Sarcasmo che non occorre sottolineare). L’ex-ministro dell’Istruzione, Maria Stella Gelmini, l’ha sbandierato, insieme alle uscite altezzose sui “corsi inutili”. Lo stendardo precotto è stato riscaldato dal ministro attuale, Francesco Profumo. I due figuri hanno in comune una cosa: il collegamento fra “meritocrazia” e “braccino corto” nel finanziare la pubblica istruzione.
            Ora, vale la pena di ridare un’occhiata approfondita a questo benedetto concetto. Così lo definisce il vocabolario on-line Treccani.it: “Concezione della società in base alla quale le responsabilità direttive, e spec. le cariche pubbliche, dovrebbero essere affidate ai più meritevoli, ossia a coloro che mostrano di possedere in maggior misura intelligenza e capacità naturali, oltreché di impegnarsi nello studio e nel lavoro; il termine, coniato negli Stati Uniti, è stato introdotto in Italia negli anni Settanta con riferimento a sistemi di valutazione scolastica basati sul merito (ma ritenuti tali da discriminare chi non provenga da un ambiente familiare adeguato) e alla tendenza a premiare, nel mondo del lavoro, chi si distingua per impegno e capacità nei confronti di altri, ai quali sarebbe negato in qualche modo il diritto al lavoro e a un reddito dignitoso. Altri hanno invece usato il termine con connotazione positiva, intendendo la concezione meritocratica come una valida alternativa sia alle possibili degenerazioni dell’egualitarismo sia alla diffusione di sistemi clientelari nell’assegnazione dei posti di responsabilità” (grassetto nostro). Ora, come sappiamo, il PdL ha egregiamente rispettato questa concezione: un suo membro nel consiglio regionale della Lombardia (per proporre un solo esempio) ha grandi doti di modella part-time ed è una meticolosa lettrice di rotocalchi. Qualcun altro si accredita per una pregressa carriera di soubrette, naturalmente propedeutica alle mansioni ministeriali. Il PdL è altresì alieno dal clientelismo: infatti, il candidato primo ministro è praticamente invisibile in campagna elettorale, a favore del fondatore del partito (propostosi come ministro dell’Economia).
            Lasciando codeste amenità, è chiaro che la “meritocrazia” intesa con connotazione positiva dovrebbe andare di pari passo con l’investimento nella pubblica istruzione. Ciò per far sì che le barriere di censo ed estrazione cultural-familiare siano davvero superabili per i dotati di “intelligenza e capacità naturali”. Senza agevolazioni fiscali, mense, alloggi, borse di studio, biblioteche e accessi a Internet, le spese connesse all’istruzione graverebbero unicamente sulle famiglie o sugli studenti lavoratori, impedendo detto superamento. Nulla a che vedere con la ricerca del “dove si può tagliare” tipica tanto della politica pidiellina, quanto del governo tecnico. La cittadinanza italiana è legittimata a sentirsi presa in giro: sia per l’uso in malafede del lessico politico, sia perché si vuol misurare col contagocce il sostegno agli studi, quando, per il comfort delle “alte sfere”, non ci si fanno tanti problemi. Senza contare le tragicomiche vicende di peculato che la cronaca, periodicamente, riporta. Cascano bene, per abbagliare le allodole, certi rispettabilissimi concetti importati dagli Stati Uniti. Insomma: Tu vuo’ fa’ l' americano! […]ma si nato in Italy! Siente a mme, non ce sta' niente a ffa…

1 commento:

  1. La meritocrazia è quel qualcosa di cui l'Italiano si ricorda quando deve accusare il suo avversario (di non averla).

    RispondiElimina

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.