domenica 3 febbraio 2013

In viaggio con Erodoto


“Erodoto vive una vita piena, per nulla intralciato dalla mancanza del telefono, dell’aereo o della bicicletta. Tutte cose che arriveranno solo dopo migliaia di anni, e che niente lascia presumere gli siano mancate: se la cava perfettamente anche senza. La sua vita e quella del mondo contengono una forza propria, un’energia inesauribile e autosufficiente che lui avverte e che lo entusiasma. Erodoto doveva essere una persona serena, rilassata e cordiale: è solo a questo tipo di persone che gli estranei svelano i propri segreti. Le nature chiuse, ombrose e introverse, anziché indurre il prossimo a confidarsi, suscitano il timore e la voglia di scappare. Se Erodoto avesse avuto un carattere del genere, non avrebbe ricavato niente dagli altri e noi non avremmo avuto la sua opera.

            Riflettevo spesso su questo fatto, sentendo con stupore, e anche con una certa inquietudine, che, addentrandomi nella lettura di Erodoto, subivo un processo di identificazione intellettuale ed emotiva con il mondo e con gli eventi evocati dal greco. La distruzione di Atene mi coinvolgeva più dell’ultimo colpo di stato in Sudan e l’affondamento della flotta persiana mi appariva più tragico della rivolta militare in Congo. Il mio mondo non era soltanto l’Africa, della quale dovevo occuparmi come corrispondente dell’Agenzia di stampa polacca, ma anche quello scomparso da centinaia di anni, lontano da qui.

            Come stupirsi dunque se, seduto in una afosa notte tropicale sulla veranda del Sea View Hotel di Dār es-Salaam, pensavo ai soldati di Mardonio che in una notte di gelo (in Europa allora era inverno) cercavano di scaldarsi davanti al fuoco le mani intirizzite?”

 

RYSZARD KAPUŚCIŃSKI

 

(In viaggio con Erodoto, Milano, 2005, Feltrinelli, pagg. 212-213)

2 commenti:

  1. Il bello è che con un accenno a una rivolta militare in Congo un testo sembra sempre essere stato scritto una settimana fa :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo è relativo... o non è quello...? ;)

      Elimina

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.