giovedì 20 settembre 2018

Tutti in teatro con Antonella Settura


Antonella Settura è nota a Manerbio come direttrice artistica del Centro Danza. Ma la sua direzione artistica si esercita anche in un’altra iniziativa: la rassegna di concorsi “Tutti in teatro”, ospitata dal teatro “Pio XI” di Bagnolo Mella. 

L’idea è nata dalla poliedrica passione della Settura per le arti: principalmente la danza, come è noto, ma anche la musica, il canto, la scrittura creativa e la recitazione. “Tutti in teatro” è dedicata ai giovani: in particolare, ai talenti che desiderano emergere.
            Per il 28 settembre 2018, è stata programmata una serata intitolata: “Facci ridere”. Quattro giurati decideranno a chi assegnare i due premi in palio. I titoli presentati sono perlopiù dialettali: sia perché il teatro vernacolare ha una vocazione macchiettistico-realistica che ben si presta a suscitare il sorriso, sia perché il genere è sempre apprezzato nella Bassa Bresciana. La pagina Facebook dedicata alla rassegna di concorsi ha già pubblicato l’elenco delle compagnie partecipanti, con il titolo che ciascuna presenterà. A rappresentare Manerbio, ci saranno le Muse dell’Onirico, dirette da Daniela Capra: proporranno un monologo dialettale dal titolo “Acqua e saù”, tratto da “Acqua e sapone” di Aldo Nicolaj. La compagnia “Il Gabbiano” di Brescia si presenterà con testo e direzione artistica di Matilde Pagani: “Le betòneghe dè piàsa Roèta”. La compagnia “Cafè di Piöcc” di Montichiari, diretta da Peppino Mura, inscenerà “Òja come la sàpes stàda”. “Gli Azzanesi”, con la direzione di Barbara Casanova, si esibiranno in “La prova”. La compagnia “G. Campini” (direttore artistico: Vincenzo Ongarini) giocherà in casa, con “Dè rinf o dè ranf”.
Ciascuna di loro, in venti minuti, dovrà rappresentare il rispettivo spettacolo comico, dando fondo a tutto il proprio talento e a tutta la propria preparazione. Far ridere è una cosa seria.

Paese Mio Manerbio, N. 136 (settembre 2018), p. 18.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.