sabato 22 settembre 2018

La memoria passa anche per Manerbio


staffetta della memoria manerbio 2018All’inizio di agosto, torna il ricordo della strage di Bologna (2 agosto 1980): alle ore 10:25, un ordigno esplose alla stazione della suddetta città, uccidendo ottantacinque persone e ferendone oltre duecento. Altri episodi simili sono quelli di Piazza della Loggia, a Brescia (28 maggio 1974) e di Piazza Fontana a Milano (12 dicembre 1969). 
L’attentato di Bologna si collocava nel quadro di quello che il settimanale inglese The Observer, nel dicembre 1969, chiamò “strategia della tensione”: un insieme di atti terroristici volto a creare il terrore nella popolazione e a prepararla ad accettare svolte politiche di tipo autoritario. Così le forze reazionarie (gruppi neofascisti, settori degli apparati di sicurezza statali) risposero alle lotte sociali iniziate nel ’68 – ’69 e all’avanzata elettorale del Partito comunista italiano. La strage di Brescia avvenne proprio durante una manifestazione contro il terrorismo neofascista. Quella di Milano colpì la Banca Nazionale dell’Agricoltura; insieme ad altri quattro attentati progettati per lo stesso giorno, segnò l’inizio della suddetta “strategia della tensione”. Le esplosioni di Milano furono attribuite, in un primo momento, agli anarchici; più tardi, le indagini si concentrarono su Ordine Nuovo (organizzazione di estrema destra) e su esponenti dei servizi segreti.
            Per ricordare questi tre tragici episodi, ogni anno, l’AGAP (Associazione Gruppi Amatoriali Podistici) di Milano e il Coordinamento Staffette Podistiche di Bologna organizzano la staffetta “Per non dimenticare”. In questo modo, si concretizza l’idea della memoria in movimento, che torna sui luoghi dei misfatti per ammonire la generazione presente. Essa è partita dal capoluogo lombardo il 30 luglio 2018, è passata per Brescia il giorno seguente ed è giunta a Bologna il 2 agosto. In questo percorso, com’è abituale, era compresa Manerbio. 

staffetta della memoria manerbio 2018Il 1 agosto 2018, alle ore 7:10, in Piazza Italia era stato allestito l’usuale comitato di benvenuto per i podisti. Erano presenti rappresentanti dello Spi (Sindacato pensionati italiani) - CGIL, dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) e del Comune: il sindaco Samuele Alghisi, l’assessore Fabrizio Bosio, i consiglieri Annamaria Bissolotti e Fabio Berteni. Oltre che dalla CGIL e dall’ANPI, la staffetta “Per non dimenticare” era firmata da CISL e UIL. In piazza, erano presenti i Carabinieri; la Polizia accompagnava i podisti. Questi ultimi erano affiancati anche dai furgoncini forniti dal Comune di Bologna e dalla Cooperativa Sociale Santa Rita - onlus di Milano.
Da Bagnolo Mella, è così giunto, tra gli applausi, il gruppo podistico “Running Prealpino” di Brescia. È stato accolto da un meritato buffet di dolci. Il testimone è passato all’Atletica Rebo Gussago.
Alle autorità locali, sono stati lasciati doni simbolici: un pennuto di pezza, mascotte della staffetta; una targa commemorativa e (soprattutto) una clessidra, per sottolineare che il tempo non deve passare invano, né cancellare la memoria.

Paese Mio Manerbio, N. 136 (settembre 2018), p. 20.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.