mercoledì 26 settembre 2018

Esce "Streghette mie": dieci storie per ridere magicamente

Non ero particolarmente attratta dalle figure di strega, da bambina. Il mio personaggio preferito era la Sirenetta: prima, perché viveva sott'acqua e poteva godersi le meraviglie dei fondali senza annegare o implodere; poi, perché mi identificavo col suo cuore spezzato. Inutile dire che, ora che ho superato i quattordici anni, sono molto più cattiva e ironica sull'amore. 
erica gazzoldi streghette mie copertina
Erica Gazzoldi, Streghette mie
(Amazon, 2018)

All'università, mi sono innamorata della figura di Medea, dedicandole persino un paper. Ma è soprattutto all'influsso di Mariangela Galatea Vaglio, la famosa autrice di Didone, per esempio (2014, Ultra), che si deve la nascita di questo libriccino: Streghette mie (2018, Amazon Kindle Direct Publishing Project). Il titolo è invece un omaggio a Bianca Pitzorno, un'autrice che ha animato la mia infanzia e che è nota sia per l'attenzione ai personaggi femminili, sia per il suo spirito garbatamente dissacrante. L'ironia è una puntura contagiosa, soprattutto se stuzzica ciò che amiamo di più. Ecco che, dalle opere letterarie che avevo assaporato e digerito, sono risaltate fuori loro: figure di maghe e di streghe rimaste precedentemente in secondo piano, ai miei occhi, e che ora sembravano guardarmi... con l'aria confidenziale di chi ha qualcosa da dire.
Queste dieci storie sono dieci monologhi, volutamente leggeri. Prendeteli per quello che sono: spero che vi divertano. Anche perché, a furia di divertirsi, ci si può imbattere in qualcosa di molto serio.

Le abbiamo odiate, amate, denigrate, studiate. Sono le maghe e le streghe delle fiabe e della letteratura. Brutte e cattive (o belle e cattive), perché così hanno voluto coloro che ci hanno parlato di loro: per dogma religioso o pregiudizio socio-culturale. Ma, comunque siano, sono sempre… incantevoli. Irresistibili. Perché ci parlano da un luogo profondo, per il quale non possiamo evitar di passare. Ci parlano dallo specchio.

Disponibile in formato Kindle e in paperback.


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.