mercoledì 8 agosto 2018

Parlare arabo in Italia: un futuro sempre più multilingue

chorouk manerbio corsi di araboAnche nel 2018, l’associazione di promozione sociale “Chorouk” di Manerbio ha festeggiato la conclusione dei corsi di arabo da essa organizzati. Il 17 giugno 2018, i membri dell’associazione hanno invitato la cittadinanza all’evento, tenutosi in via Strada Vecchia per Milzanello n. 2. Il luogo era un tendone collocato in uno spazio fornito da un privato cittadino.
Il benvenuto ai presenti è stato dato dal presidente della Chorouk, Allal Martaj. Ha ringraziato: l’amministrazione comunale; Annamaria Alghisi, dirigente dell’Istituto Comprensivo di Manerbio, che ha messo a disposizione i locali per i corsi di arabo; le insegnanti e il responsabile dei suddetti corsi; il proprietario della location dove si sono svolti gli incontri durante il Ramadan. Il suo discorso ha sottolineato la volontà della Chorouk di promuovere la conservazione dell’Islam e della lingua araba, ma nell’ottica di una partecipazione alla società italiana.
Più volte, durante l’evento, bimbi e preadolescenti hanno dato prova delle loro competenze, dialogando o cantillando in arabo. 

isam maarouf
Isam Maarouf


 Nemmeno quest’anno è mancato il contributo di Isam Maarouf: giovanissimo artista di origini marocchine che ha proposto la sua “beatbox”, riproduzione a voce di suoni e rumori svariatissimi.
            Le suddette lezioni di arabo erano rivolte sia a bambini che adulti, in corsi distinti. Erano seguite da allievi di origine africana desiderosi di conservare una parte delle proprie radici culturali e di poter leggere il Corano; ma non mancavano alunni italiani. Uno di loro era Gabriele Zilioli, che ha preso la parola durante la festa. Ha scoperto le lezioni di arabo per caso e se ne è interessato per ragioni universitarie. Ma ha affermato d’aver apprezzato molto anche l’ambiente umano.
Dopo un altro coro di voci infantili, una delle maestre ha tenuto un discorso: esso riguardava lo studio delle lingue come arricchimento culturale, ormai praticato a livello mondiale.
Per quanto riguarda l’arabo orale, ogni zona in cui è parlato è contraddistinta da accenti e varianti - come avviene per ogni idioma vivo. La versione “standard” è quella in cui è redatto il Corano, spesso (almeno in passato) impiegato come base dell’educazione già in età infantile. Le scuole moderne aperte nei Paesi africani registrano questa assenza, è stato affermato durante la festa. I bambini che apprendono l’arabo coranico lo percepiscono comunque come una “lingua straniera”, dato che differisce dai dialetti parlati in famiglia.
Oltre al momento culturale, naturalmente, la festa ha compreso quello conviviale. Tè alla menta caldo e zuccherato è stato servito in appositi bicchieri dalle decorazioni argentate. Sono stati serviti svariati vassoi di pasticcini d’ogni gusto e foggia. Ai bambini era riservata la pizza.
chorouk manerbio dolci marocchini            Voci femminili in coro hanno cantato brani in lingua araba, fra cui uno che parlava del Marocco. E marocchina era la bandiera che le accompagnava, che hanno anche sventolato in corteo per il tendone.
            Altro momento della festa è stata la consegna di targhe di riconoscimento e diplomi: questi ultimi agli allievi e alle maestre dei corsi, le prime a diverse figure. Ad assessori e consiglieri comunali, innanzitutto. Liliana Savoldi, in particolare, ha ricordato ai piccoli che è bene studiare l’arabo… ma che, in contraccambio, potrebbero insegnare l’italiano alle madri. Issa Bousso si è presentato in vece della direttrice dell’Istituto Comprensivo, mentre la mediatrice culturale Fatima Sadiqi ha ricevuto la targa che le spettava. Sono stati “premiati” anche i giocatori della squadra della Chorouk. Naturalmente, sono stati intonati l’inno di Mameli e quello marocchino. Un altro modo per sottolineare la volontà di saper vivere fianco a fianco, senza confondersi.


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.