venerdì 14 luglio 2017

Per tre giorni, Noi con Voi

due signore in abiti anni '60
Due signore in abiti anni '60.
Con l’estate, è arrivata la festa delle associazioni manerbiesi, riunite nella rete “Noi con Voi”. Dal 9 all’11 giugno 2017, lo Stadio Comunale è stato animato da bar, cucina, bancarelle, sport e musica: dalla Rinascita Manerbiese, insomma. Sottofondo e commenti sono stati a cura di Radio Vera e Radio Bruno. I bimbi erano allettati dagli abituali giochi gonfiabili. La cucina era sempre attiva dalle 19:00, col tradizionale “pa e salamìna”, polenta, casoncelli e molto altro.
            L’inizio è stato segnato dal Trofeo ABIO (Associazione per il Bambino In Ospedale): una gara di corsa per allievi della scuola primaria. I vincitori, in ordine crescente di piazzamento, sono stati: Luca Capelli, Chris Mihancea, Giorgio Boninsegna, Robert Stefanescu e Hamza Irid per la categoria maschile; Annamaria Ami, Giulia Zambotti, Sara Antonini, Annalisa Montani e Ludovica Cividati per quella femminile. 
partenza 6 miglia
La partenza delle "6 Miglia".
            In seguito, è stata la volta della “6 Miglia”: stavolta, è toccato agli adulti sfidarsi. Erano assistiti da ciclisti, dall’Associazione Nazionale Carabinieri e dalla Polizia locale. Sul podio maschile, sono saliti: Ciro Boriello (3°); Alberto Migliorati (2°); Alessandro Guana (1°). Su quello femminile: Miriam Toniolo (3^); Lara Lancini (2^); Federica Pezzali (1^). Così si sono classificati invece i gruppi: 1) AV Sporting; 2) Straleno; 3) Brescia Marathon; 4) Over Pontevico; 5) La Spiaggia; 6) Pralboino. Un premio speciale si è aggiudicata la piccola Anna, in attesa di poter gareggiare da adulta. Nel frattempo, si svolgeva anche la finale del 2° Trofeo “Minervium Cup”, torneo di calcio a 5 giocatori. Si sono tenuti gli incontri Hellas Luigini VS Selva 70 e Pezzi Sani VS Gnavi della Cumpa. Hanno vinto il Trofeo gli Hellas Luigini, arrivando ai rigori contro gli Gnavi della Cumpa. La prima serata si è conclusa a ritmo di salsa, bachata e cha-cha-cha con gli allievi della scuola di ballo “Zero in Condotta”. Si sono fatti notare una coppia di giovanissimi e un gruppo di ragazze adolescenti, le “Lady Zic”. 
scuola di ballo zero in condotta
La scuola di ballo "Zero in Condotta".
            Il 10 giugno è stato dedicato alle atmosfere degli anni ’50 e ’60. Lo stadio è stato animato da bikers in sella alle loro Harley Davidson; era presente il Vespa Club, nonché alcune auto dell’epoca suddetta. Questa serata è stata anche la più ricca di stand e bancarelle: un chiosco di birre; un tiro a segno; zucchero filato; un’officina per motociclette; un fotografo; un barbiere; una parrucchiera; un’estetista; venditori di vestiti e borse (anche fatte a mano); un ragazzo indiano che proponeva coloratissimi foulard, tessuti “double face” e broccati. Singolare era una bancarella di oggettistica rock e goth. Proprio dal rock ‘n roll è stata coronata la serata, con le note dal vivo dei Jhonny Boy e alcune coppie scatenate sulla pista da ballo.
            Il pomeriggio dell’11 giugno è cominciato con la Gimkana dei bambini: uno slalom in bicicletta. Questi i risultati: per la 1^ elementare, Jacopo Gasparotti (3°), Pietro Miglioli (2°) ed Emanuele Cominelli (1°); per la 2^, Robert Borcan (3°), Carlo Pedrioni (2°) e Luca Bonventre (1°); per la 3^, Arman Kladusak (3°), Filippo Foti (2°) e Nicola Rivetti (1°); per la 4^, Andrea Pedrioni (3°), Michela Girelli (2^) e Luca Capelli (1°); per la 5^, Sergio Ponzoni (3°), Hamza Irid (2°) e Chris Mihancea (1°). Il miglior record di velocità in assoluto è risultato quello di Rivetti.
            La conclusione della serata è stata condotta sulla cresta dell’Onda Nomade, gruppo che costituisce un omaggio ai Nomadi - e ad Augusto Daolio in particolare. Quel che si dice “finire in bellezza”. E in emozione.

Paese Mio Manerbio, N. 122 (luglio 2017), p. 7.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.