sabato 8 luglio 2017

Esce "L'amante del mago": un romanzo rosa con un tocco fantasy (o viceversa?)

Ah, i ritiri zen...! Sono davvero forieri di illuminazioni. Proprio durante uno di essi, ho conosciuto una signora e una ragazza con le quali ho affrontato il discorso dei romanzi rosa e della letteratura di consumo... In particolar modo, con riferimento alla mia aspra allergia per il genere sentimentale. Ne è nata una discussione (rosa sì, rosa no), che è culminata con una sfida: perché non provi a scriverne uno?
erica gazzoldi l'amante del mago
In copertina: The Valkyrie's Vigil, del preraffaellita
Edward Robert Hughes (1906).
L'ho fatto subito, non appena tornata a casa. Ma ho atteso finora per pubblicarlo, aspettando risposte da altre case editrici. Come era prevedibile, il romanzetto è ricolmo di quell'esperienza e dei libri che stavo leggendo in quei giorni. Per adattarlo alla mia sensibilità, l'ho inserito in una cornice dark fantasy. Propriamente, è un fantasy romance. Non anticipo altro e passo al dunque: s'intitola L'amante del mago

Sofia vorrebbe soltanto passare qualche giorno estivo in un monastero zen sull'Appennino parmense. Ma la sua esperienza prende un corso imprevisto ancor prima di cominciare. Sul sentiero che la porta all'eremo, si perde. Al suo fianco, compare una figura velata che "è troppo tardi per evitare". E i suoi passi terminano davanti alla villa di Endymion Leukas, un giovane ed eccentrico amante del Medioevo che vive isolato, in compagnia di due personaggi da fiaba (o da incubo?). Il soggiorno di Sofia nella villa si prolunga, facendosi sempre più surreale... Quello che le sta succedendo è reale? Qual è il confine tra realtà e illusione, a Villa Leukas? Ed Endymion... chi è veramente? Cosa vuole da lei?

Vi avviso: è per un pubblico di poche pretese. Comunque, mi sono divertita tantissimo a scriverlo.

Disponibile su Amazon in formato Kindle  e in print on demand.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.