giovedì 26 maggio 2016

Scommettiamo che ci divertiamo?!

Il problema della ludopatia continua a prosperare in Italia. Ma non si rassegnano le città, che - il 7 maggio 2016 - hanno celebrato la Giornata Nazionale Slot Mob, una mobilitazione contro il gioco d’azzardo. Anche Manerbio ha aderito: in piazza Italia, diverse associazioni locali si sono riunite al grido di “Scommettiamo che ci divertiamo?!” Grandi e piccoli si sono dedicati al gioco: quello vero, che crea amicizie e non costa denaro. 

            L’iniziativa era firmata, oltre che dal Comune di Manerbio, dall’A.C.A.T., dalle ACLI, dall’AGE, dall’Agesci, dalla Caritas, dal Movimento dei Focolari, dall’oratorio “S. Filippo Neri”, dalla Parrocchia di S. Lorenzo Martire. A loro, si sono uniti singoli e famiglie.
            Anziché slot machine, Lotto e Gratta&Vinci, a dominare la scena sono stati il ping-pong, il calcetto, il volano, i curiosi giocattoli in legno di Tino Vigilati e i tabelloni colorati de La Torre d’Avorio (associazione dedita ai giochi di ruolo e da tavolo).
            Mentre i bambini s’incantavano davanti a gigantesche bolle di sapone, alcune coppie si misuravano a colpi di racchette; chi si riteneva negato per il ping-pong ha potuto ricredersi; le manopole del calcetto si riscaldavano nella foga del gioco. Altri gruppetti, grazie alla Torre d’Avorio, potevano diventare mercanti rinascimentali, cow-boy, panda o giardinieri, grazie alla semplice magia di un gioco in scatola.
            Ma è stato richiesto ai presenti anche di firmare una lettera indirizzata al presidente Sergio Mattarella, per invitare le istituzioni a prendere una posizione netta contro il gioco d’azzardo e a renderlo illegale del tutto. Quasi utopico, dati gli introiti che esso comporta per lo Stato - ma tanto vale (per l’appunto) scommettere. La scommessa sul divertimento, nel frattempo, è stata vinta in pieno.


Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 108 (maggio 2016), p. 14.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.