mercoledì 25 maggio 2016

Il ritorno della spada celtica

Dopo suspense e promesse, è arrivata proprio lei: la spada celtica di Manerbio. Fu ritrovata nel 1957, in località Roncagnà, presso un’ansa del fiume Mella. Il rinvenimento fu casuale, a opera di alcuni contadini che stavano eseguendo lavori di sterro. 

            All’epoca, Manerbio non possedeva alcuna struttura adatta alla conservazione dei reperti. La spada fu perciò affidata ai magazzini del Museo Santa Giulia, a Brescia.
            Nel 1985, il nostro paese si dotò di un Museo Civico. La bella contesa, perciò, non ha più motivo di restare lontana da casa. Il 3 aprile 2016, il museo manerbiese ha ufficialmente festeggiato un trentennio di esistenza col ritorno della spada celtica.
            Al Teatro Civico “Memo Bortolozzi”, i presenti sono stati salutati da Fabrizio Bosio (assessore alla Cultura) e dal sindaco Samuele Alghisi. Maurizio Cavaciocchi, presidente del Gruppo Storico Archeologico, ha ricordato che il prezioso reperto va ad aggiungersi alle altre testimonianze della presenza dei Galli Cenomani a Manerbio: le falere (= finimenti in argento per cavalli), rinvenute alla cascina Remondina nel 1928, e il tesoretto di dracme padane restituite dalla Gavrine Nuove nel 1955.
            Il ritorno della spada ha richiesto un iter burocratico; in questo, ha aiutato la dott. ssa Serena Solano. Ella ha affermato che la provincia di Brescia è la più ricca di beni archeologici in Lombardia. Ha sottolineato il ruolo non indifferente del Museo Civico nel promuovere e tutelare le scoperte locali.
Particolare attenzione è stata riservata ai bambini, nell’utilizzo didattico del museo. Elena Baiguera, l’attuale conservatrice, ha menzionato il coinvolgimento di cinquanta scolaresche. Ha preannunciato anche visite guidate e una biciclettata nei luoghi dei ritrovamenti manerbiesi. Per il 30 ottobre 2016, invece, sarebbe programmata una visita guidata al Museo di Santa Giulia, nella sezione dedicata all’Età del Ferro. Nel pomeriggio stesso del 3 aprile, si è tenuto un laboratorio per bambini: “L’arte della guerra”. 

Bosio ha pubblicamente salutato Roberta Serinelli, studentessa dell’Accademia di Belle Arti Santa Giulia di Brescia. Il suo logo è stato scelto fra quelli realizzati dagli allievi, nell’ambito di un progetto interno all’istituto. La creazione di Roberta, perciò, ha caratterizzato la giornata del 3 aprile.

Dopo la presentazione, i convenuti hanno potuto visitare il museo, dove la spada era stata posata su una figura di guerriero celtico a grandezza naturale, in una teca: la sua casa - ora - per sempre.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.