venerdì 13 maggio 2016

Storia di un alito di puzzola - La nuova raccolta di Vincenzo Calò

"C’E’ CHI AFFERMA CHE SONO BRAVO, PERCIO’ ABBIATE PAZIENZA…!



Come se non bastasse, dopo C'è da giurare che siamo veri... e In un bene impacchettato male [le quali copie rimaste seppur si contino sulle dita di una mano (eccetto il medio) sono ancora richiedibili al sottoscritto], è uscita la mia terza raccolta di prose in versi: Storia di un alito di puzzola. 

Per vantarsi un giorno d’avere quest’oggetto alternativo – che si chiama libro, ma stavolta prodotto non 'per rendere tanto economicamente, studiando poco', semmai per l’esatto opposto, affinché si possa stare in pace con se stessi, cioè con il piacere di vivere - si deve rigorosamente ordinarlo mandando una mail al seguente indirizzo: info@davidandmatthaus.it [attenzione! Gli organizzatori di eventi a esso dedicati se aspirano a riceverlo in omaggio devono rassicurare l’editore sulla vendita oltre a stabilire presumibilmente una percentuale d’introito a suo favore… purtroppo la stragrande maggioranza delle librerie stesse (incluse quelle che si dichiarano indipendenti!!!) non concede l’opportunità di esporsi poeticamente, neanche rievocando Alda Merini, a svantaggio così della pubblicazione free, col buon proposito di mantenersi economicamente facendo leggere di tutto!]

Sono più che disponibile a promuovere Storia di un alito di puzzola cercando di fare clamore, ossia non per forza e nelle sedi competenti… beh, fermo restando che ce ne siano ancora di adibibili alla cultura visto che occorre intraprenderla attivamente e, perché no, ingenuamente (non si smette mai d’imparare, neanche dal pubblico)! 

Ecco, magari per mezzo di uno show pseudofilosofico, che racchiuda le letture degli estratti dalle mie opere edite, oltre che dei post lanciati e rilanciati sulla bacheca del mio profilo fb, denominati 'vermi solitari', alternate con brevi monologhi e due discorsetti da fare circa la difficoltà, a parer mio, di fare poesia contemporanea, a seguito d’imposizioni, fin troppo attuali, relative alla sopravvivenza dell’essere umano senza badare alla realizzazione di almeno un concetto di Vita; allentando i ritmi moderni per sostenere che la Solitudine può ritenersi addirittura lo spazio per motivare un talento e sentirsi autorevoli in cuor proprio, dunque di significare per gli altri dell’affetto, d’incanto. 

Interpreterò i miei pensieri, che risultano strambi perché prima di comprendere le emozioni sarebbe necessario percepirle una a una, immaginando di essere un… diverso! 

Con l’intento di rinfrescare a sorpresa la logica comune, tanto per rivangare peraltro i video pubblicati tramite il canale YouTube Cazzeggiando in sospensione (un’idea dell’ass. di volontariato Koinòs, andate pure a vederli!); e contaminato artisticamente, con la proiezione sullo sfondo di un maxivideo che metta in risalto forme di pittura, fotografia, musica, danza etc … insomma, opere di artisti che abbiano piacere d’emergere (anche dal vivo!), con l’ispirazione dipesa dai miei contenuti, come quello racchiuso in Storia di un alito di puzzola

L’invito in effetti riguarderà principalmente tutti coloro che masticano 'coscienza civile', ovvero delle conoscenze, dovendo avere il coraggio univoco di affrontarle prima o poi per figurare positivamente a lungo andare nella società. 

Una società divenuta incivile proprio per la mancata considerazione del sollecito sopracitato; raschiando invece il fondo di qualsivoglia vendita materiale, quasi per pretendere il finto interesse da parte dell’Individuo ch’è in procinto di fare oramai la peggiore scelta di vita, qual è prendere le cose o le persone intorno alla leggera, col vittimismo d’adottare per rivendicare valori in odore di spreco, senza sentirsi responsabile di determinate vicende di cronaca incolore, non essendo più grandi di lui."


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.