sabato 7 luglio 2012

A Leuconoo



Tu non volere –dato non è- stringere gli angoli
sfuggenti dell’ombra, né confidar l’anima a un mutilo
cielo. Meglio è vivere ciascun fiato di luce,
che la nostra candela abbia ancor molto da sciogliere
del suo voto alla gran notte, o che questo sia l’ultimo
guizzo, che rapido porta nel buio un cuore saturo.
Sii saggio, posati sulla spuma dei giorni e un brivido
senti di alba avida: ad ogni sole basta la sua pena.



Segnalata al concorso “I Poeti Laureandi”, bandito dal Collegio Universitario S. Caterina da Siena, Pavia, 2010.







Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.