lunedì 30 gennaio 2012

A.






"Mamma: quel bravo ragazzo di cui
hai letto sul giornale stamattina
è lui; e sono io quella ragazza
di cui si parla senza farne il nome;

dicevi Poverino, è colpa tua
si vede che lo fai soffrire ed io non
trovavo la maniera di spiegarti
e ancora non la trovo;

e non hai visto cosa mi scriveva:
ti romperò le dita delle mani,
proprio le mani che conosci e senti
suonare quella musica che ami;


e c’erano persone per proteggermi
l’altra sera al concerto; come un film che
vissuto dal di dentro è un po’ diverso
da quando te lo guardi e stai seduta


sulla poltrona a casa.
Mi spiace che un giudice magari
stonato o magari senza cuore
abbia capito più di te."


LEONARDO ASSO
6 Agosto 2008

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.