mercoledì 18 settembre 2019

Passi di danza nella Notte delle Fiabe



La Notte delle Fiabe che si terrà a Manerbio il 21 settembre 2019, come anticipato nello scorso numero, sarà dedicata a I musicanti di Brema dei fratelli Grimm. Nella molteplicità di intrattenimenti a tema, non potrà mancare (ovviamente) la danza. Ecco dunque che sarà presente Antonella Settura, col suo Centro Danza e le coreografie da lei dirette. 
antonella settura danza notte delle fiabe
Napoli, Suite Dansante
Come ricollegarsi all’argomento della serata? Naturalmente, con la musica, mezzo con cui i quattro protagonisti intendono riscattarsi dalla propria presunta “inutilità sociale”. Quanto ai balletti, essi verteranno sul tema del viaggio: i musicanti di Brema sono, infatti, viandanti instancabili.
Le atmosfere saranno una riproposizione di quelle presentate allo spettacolo On Va Danser, tenutosi al Teatro Pio XI di Bagnolo Mella l’8 giugno 2019. In piazza Italia, gli allievi di Antonella Settura dipingeranno un vivente quadretto di genere: Napoli, Suite Dansante. Nella scena, “scugnizzi” e “figliole” dai variopinti costumi si raduneranno intorno a Pulcinella, stregati dal suono del suo mandolino.


            Onde sull’Oceano porterà invece gli spettatori di passaggio su una spiaggia hawaiana, baciata dall’acqua e dal vento, fra danze di sirene e ragazze.
            Verona sarà tratto dal musical Romeo e Giulietta - Ama e cambia il mondo (2001). Anziché sull’immortale storia d’amore, l’accento verrà così posto sulle lotte intestine nella città scaligera e sul tocco di “Gomorra” che caratterizzava i centri urbani medievali. L’effetto sarà dinamico e trascinante. Tre esempi di danza, tre mondi avvincenti e diversissimi tra loro: ognuno racconterà la propria magia, nella Notte delle Fiabe.


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.