sabato 7 settembre 2019

Levi P. Mumps – Sofia è mio fratello




Riceviamo e pubblichiamo (a cura di Vincenzo Calò):

levi p. mumps sofia è mio fratelloSofia è mio fratello è un romanzo che affronta il delicato tema della disforia di genere.
 Racconta infatti la storia di una ragazza – la Sofia del titolo – che durante l’adolescenza si
rende conto di identificarsi nel sesso opposto a quello biologico relativo alla sua nascita.

Scopre in altre parole di essere un transgender, un maschio intrappolato in un corpo
femminile.

La cosa getta nello sconforto i suoi genitori, che non avevano mai avuto a che
fare con una situazione del genere, e non li aiuta nemmeno il contesto in cui vivono, un
piccolo paese della Sardegna, che vive di pettegolezzi e pregiudizi.

Sofia, che desidera cambiare il suo nome in Gabriele e assumere fattezze maschili, dovrà così affrontare un lungo percorso di terapie e burocrazia per trovare finalmente la pace interiore.

Insieme a questa storia, inoltre, si sviluppa parallelamente il racconto del viaggio del fratello
maggiore Riccardo che, durante una vacanza in Provenza, perderà la testa per una
giovane francese; riuscendo finalmente a superare il trauma per la fine di una tormentata
storia durata cinque anni.

Pertanto, il tema, sempre spinoso, della diversità e della sessualità è affrontato con la
giusta delicatezza dall’autore, e l’intreccio risulta interessante e ben costruito, grazie anche
all’uso dei flashback e a una accattivante meta-narrazione.

Per le tematiche trattate, il romanzo sembra destinato a chi è in procinto di diventare adulto e a chi lo è.


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.