giovedì 5 giugno 2014

I miei nemici


Sono persone rilassate, affabili, cortesi. Né potrebbe essere altrimenti. Non hanno nulla per cui agitarsi. Vogliono garantire la proprietà privata in un mondo capitalista; mantengono fermi tre o quattro principi che non richiedono poi troppa fantasia; si sentono “normali” in un mondo di “disadattati” a cui rimproverano di voler essere se stessi. Inutile ricordar loro quell’aforisma di Oscar Wilde: “Una rosa rossa non è egoista perché vuol essere una rosa rossa. Sarebbe terribilmente egoista se volesse che tutti i fiori del giardino fossero tutti rossi e tutti rose.”
Allo stesso tempo, riescono ad aver l'aria degli "alternativi". Deprecano l'impossibilità di fare pubblicamente talune affermazioni, ma hanno luoghi e occasioni in cui esplicitarle comunque.
Vedendoli davanti ai problemi sociali, vien da domandarsi se siano ignoranti o perfidi. Non ci sono molte altre ipotesi per spiegare la loro insensibilità, il modo in cui mentono a se stessi per difendere una “formazione personale”, una “convinzione”, un’ “identità” –per loro più preziose di tanti esseri umani. Dicono di agire in coscienza e, forse, questo è anche vero. La loro coscienza coincide con pagine vetuste e venerate che li esimono dall’obbligo di mettersi in discussione.
Sono abilissimi nel rivestire di spiegazioni accettabili le proprie posizioni inaccettabili –anche se qualche domanda mirata può bastare a far cadere la maschera. Imparando dall’errore di Lady Macbeth, non si sporcano le mani di sangue: meglio lasciare che esso si sparga da sé, dopo aver creato le condizioni che porteranno a questo.
I più terribili fra loro sono quelli che assumono questo ruolo come un gioco. Terribili, perché i loro occhi brillano d’un’innocenza mefistofelica. Terribili, perché sanno farsi amare. E un simile amore non lascia mai ferite leggere.



1 commento:

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.