lunedì 17 giugno 2013

A volte, i sogni devono finire


«So che disprezzi la letteratura “pop-gothic-metropolitana” attuale…» mi dice G. Non è esatto. Ho semplicemente espresso qualche considerazione circa ciò che, secondo me, è la letteratura sui vampiri e su ciò che non potrebbe dirsi tale. Comunque, lei ha proseguito e mi ha consigliato un e-book fresco di Amazon: Le catene dei longevi, di Eleonora Scorti. Mi dice che l’autrice è sua amica. Probabilmente assai giovane, dunque (G. è nata nel 1990).
Dopo qualche esitazione legata alla mia dichiarata tecnofobia, inauguro il mio Kindle. Supero lo scoglio legato all’apparente pathos da “polpettone sulfureo-spiistico-killbillesco”, nonché l’evidente orfania di correzione di bozze. Pian piano, però, il castello (anzi, il labirinto) orchestrato dalla Scorti assume altre dimensioni. E mi ritrovo davanti a una ragnatela di personaggi, lettere, diari, situazioni, luoghi che disegnano la vicenda con sfaccettature innumerevoli.
Saralegui “Sara” Fox ha sedici anni e sembrerebbe la tipica nerd: niente amici, vita virtuale fra le pagine dei libri, lezioni di musica. Ha una madre pressoché assente e un insegnante, Richard, che può ben dirsi sostituto paterno. Ad un certo punto, vince una borsa di studio presso una scuola gallese: l’istituto Fidelio Rosacroce (un nome che è tutto un programma). Come nota la stessa Sara, sembra un parco a tema “1800”, fuori da ogni epoca e luogo. Sorge a Aerwy Trefol: “la città delle catene”. Qui, tra atmosfere medioevali e cielo grigio, Sara uscirà dal proprio guscio protettivo, per scoprire ciò che sta alla base della “tranquillità” dei comuni mortali: un patto di sangue che impedisce a licantropi e vampiri di imperversare, sotto la legge di uomini detti “rosacroce”. Fra loro, i longevi, i discendenti di coloro che stipularono il patto: immortali, per le prime tre generazioni.
Il ruolo di “rosacroce” non si sceglie: si eredita. Ma non è un privilegio: noblesse oblige. Concetti come “libertà” e “personalità” diventano estremamente incolori, davanti alla responsabilità a cui questa eredità chiama. I sentimenti vengono declassati a “capricci”. Dura lex, sed lex. In compenso, il compito di “essere legge” può riempire un’intera vita e dare la filosofica forza di conoscere su cosa si regga il proprio destino. Tra immortalità e catene del patto, non c’è da stupirsi che il mondo dei “rosacroce” sia secolare e immutabile. Finché non irrompe la “troppo umana” Sara.
L’intreccio di sangue, umorismo, ambivalenze sentimentali, identità scambiate, fedeltà incondizionate e alti tradimenti si dipana senza retorica e con incalzante fascino. Si avverte la rifusione di tutto il bagaglio culturale dell’autrice: Chopin e Mozart, Saint-Exupéry, Shakespeare e non solo, emergenti senza facili citazionismi.
Tra le catene dei longevi, non è più possibile cullarsi in sogni di libri. Sara cresce d’improvviso –forse troppo. Finché la sua accettazione della responsabilità e del destino non sfocia in un’inaudita libertà: quella della parola, quella della Cassandra (nome profetico in ogni senso) di cui lei replica il volto. Il tutto con estrema autoironia, nella consapevolezza che “se per tanto tempo reciti nel ruolo della signora delle pantofole, passare poi a Lara Croft dà qualche problema”. I suoi sentimenti oscilleranno fra il Giorno e la Notte, tanto complementari da essere quasi indistinguibili. Con una scelta finale imprevista.

2 commenti:

  1. ciao,
    ho appena finito di leggere le catene dei longevi di Elena Scorti , purtrppo di lei no riesco a trovare nulla, ne un blog ne un sito. non e' che sapresti aiutarmi visto conosci la sua amica (G.). sono ansiosa di sapere se ci sara' un seguito.
    Graze
    Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Valentina, sono ben contenta di aiutarti, per quel che posso. :D Eleonora Scorti ha un profilo Twitter (https://twitter.com/Druien) che usa di rado e un profilo Facebook (https://www.facebook.com/eleonora.scorti) sul quale ho chattato con lei (ma una volta sola). In effetti, non è facilissimo reperirla sul web, ma queste sono le indicazioni che ti posso dare... Buona fortuna! :)

      Elimina

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.