martedì 19 marzo 2013

La macchina del fango


“Da un po’ di tempo vivo come una sorta di ossessione, un’ossessione che riguarda la macchina del fango, il meccanismo con cui si arriva a poter diffamare qualsiasi persona. E ho quest’ossessione perché sono nato in una terra in cui chiunque abbia deciso di ostacolare la criminalità organizzata ha sempre subìto questa sorta di delegittimazione totale. Persino chi viene ucciso, chi è morto e caduto per contrastare le mafie, viene diffamato. E quindi sono sensibile, ho come il nervo scoperto verso questo meccanismo. […] Cosa succede in Italia quando si dà fastidio a chi comanda? Si attiva una macchina fatta di dossier, di giornalisti conniventi, di politici faccendieri che cercano attraverso media e ricatti di delegittimare i rivali. […] Qualunque sia il tuo stile di vita, qualunque sia il tuo lavoro, qualunque sia il tuo pensiero, se ti poni contro certi poteri questi risponderanno sempre con un’unica strategia: delegittimarti.”

ROBERTO SAVIANO
 

Da: Roberto Saviano, “La macchina del fango”, in: Roberto Saviano, Vieni via con me, (“Varia”), Milano, 2011, Feltrinelli, pagg. 39-43.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.