giovedì 7 marzo 2013

Gazza ladra

 
"Ho lasciato in giro briciole di pane
per non sprecarle e dopo, il giorno dopo,
non le ho trovate più; e tante volte,
invece, erano ancora sparse: hai
scordato di passare, non avevi
fame oppure battaglie lontane
ti hanno impedito di mangiare: te ne aggiungo;
rinuncio a spiare se tu torni ma
so che pensi che aspetto per spiarti
e non alla tua fame ma soltanto
all’idea assurda di me che sto aspettando;
 
e siccome sei immortale nei paesi
dove vai, che non conosco,
non ho paura per te ma combatto
i maligni che dicono che aspetto
soltanto per spiarti o che tu torni
soltanto per le briciole di me:
mentre sei sempre qui, fingi di andare e
io fingo di restare mentre tu
mi porti via."
 
LEONARDO ASSO
 
 
Concorso Di Liegro, Roma
Menzione di merito per la poesia Gazza Ladra
Teatro dei Dioscuri, 26 Gennaio 2013
 
 


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.