domenica 3 giugno 2012

Amici miei


(Riferita all’omonimo film di Mario Monicelli)



Portar l’anima a spasso
con un guinzaglio d’ore,
in una zingarata
impossibile ancora,
lungo il corso del giorno;

far del sole una palla
e del cielo un cortile,
per giocare al Creatore
slegando le parole,
come se fosse antani:

forse, ciò non è peggio
che sfilacciar la vita
in rughe di contegno,
per offrir spalle dritte
all’Ultima Ironia.

2^ classificata al concorso “I Poeti Laureandi”, bandito dal Collegio Universitario S. Caterina da Siena, Pavia, 2012, pari merito con Ὁ γέρων Δημόκριτος (Il vecchio Democrito) di Giulia Sara Corsino.

9 commenti:

  1. Mauro Franzini19 giugno 2012 14:54

    E brava la nostra Ericuccia!! :-) Solo una precisazione: essendo la sbilistrofa in saliscendi per giambismo (in senso anacreontico, intendo), non conviene steccare la versiva come se fosse cesura...? :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occhio, Mauro: marasmando l'ipostasi, si prescrania l'ipallage.

      Elimina
    2. Mauro Franzini19 giugno 2012 14:57

      ‎:O Anche correttando l'ipogeo circulariter come se fosse pulvinio..?

      Elimina
    3. Grazie, tesori... ♥ P.S. Con scappellamento a destra.

      Elimina
  2. Ma sai che mi piace davvero tanto questa poesia, Gioietta? :)

    RispondiElimina
  3. Personalmente considero questo lavoro come troppo "pretenzioso", pur non potendo permettersi di esserlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente, considero questo commento come troppo "pretenzioso", pur non potendo permettersi di esserlo. xD

      Elimina

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.