mercoledì 26 giugno 2019

Le Muse dell’Onirico alla “Leonessa d’Oro”


le muse dell'onirico manerbio leonessa d'oroLa “Leonessa d’Oro” è un concorso nazionale per commedie dialettali giunto ormai alla quindicesima edizione. Si tiene a Travagliato, sotto la direzione artistica di Maria Teresa Scalvini, al teatro “Pietro Micheletti”. Il festival è patrocinato dal Comune locale, dalla Provincia di Brescia e dalla Regione Lombardia. La sua realizzazione è stata curata dall’Associazione Culturale Mosaico”, dalla Fondazione “A. Canossi” - Centro Culturale Prof. A. Cibaldi e dal Lions Club Montorfano Franciacorta. 

 Nel 2019, il concorso è durato dal 2 marzo all’11 maggio, per concludersi il 18 maggio con la “Notte della Leonessa d’Oro”. Si sono presentate undici compagnie, fra cui tre di area bresciana; le altre provenivano dalle province di Lodi, Mantova, Pordenone, Padova, Bergamo, Verona, Trento, Viterbo. La vera novità di questa edizione, però, è stata la partecipazione di una compagnia manerbiese: “Le Muse dell’Onirico”. Hanno presentato una versione interamente dialettale di Essere o apparire, questo è il dilemma: il riadattamento di Fumo negli occhi (2002) di Faele e Romano, curato dalla direttrice artistica Daniela Capra e dal regista Davide Pini Carenzi. I manerbiesi, ormai, ne conoscono bene la trama: Teresa Brandolini, moglie di un direttore di banca, è invidiosa della vicina di casa che naviga nel lusso, benché suo marito sia un semplice impiegato… Pur di apparire superiore alla rivale, Teresa impone alla famiglia una serie di follie che porteranno la situazione al paradosso.
            “Le Muse dell’Onirico” si sono esibite a Travagliato il 13 aprile, fra risate e battimani del pubblico. La Notte della Leonessa d’Oro, naturalmente, erano presenti per partecipare alle premiazioni. Il Gran Galà finale comprendeva intermezzi musicali a cura della Fanfara Alpina Tridentina “Walter Smussi”. Si sono esibiti anche i bambini del laboratorio teatrale “Matesca”: Giada Tonoli, Angela Pitozzi, Giorgia Baresi, Andrea Carini, Gabriele Ferraresi, Davide Rizzo, Daniele Bianolini. Per loro, è stata una delle prime occasioni di cimentarsi con la commedia dialettale, un genere che sembra non perdere freschezza nemmeno per le ultimissime generazioni. I piccoli hanno inscenato tre brevi pièces scritte da Giuliana Bernasconi e Maria Filippini: La diferensiada; La lengua de Paol; Piöf, piöf, la gata la fa l’öf. Regia e costumi erano di Maria Teresa Scalvini. Gli attori dialettali in erba hanno così dato corpo a: una diatriba tra due vecchiette e un commesso di supermercato sulla raccolta differenziata; uno “scacco matto” rifilato a un impiccione malaugurante; un rapporto fra nonna e nipotina ostacolato dall’ignoranza linguistica… ma di chi delle due, esattamente?
            Le vere emozioni della serata, però, sono state suscitate dall’aspettativa dei premi. “Le Muse dell’Onirico” si sono presentate da compagnia giovanissima (tre anni di attività) e per la prima volta come concorrenti della competizione. I riconoscimenti più ambiti, come c’era da aspettarselo, sono andati a gruppi di maggiore anzianità e già noti al teatro di Travagliato. La Leonessa d’Argento per la miglior compagnia bresciana è stata assegnata a “Il Risveglio” di Vobarno, per L’è nada zó de có. La Leonessa d’Oro realizzata da Giampietro Abeni è giunta invece nelle mani de “Il Siparietto” di Casalpusterlengo (LO). La loro commedia era Sciuri e pori diauli, versione lodigiana di Miseria e nobiltà.
            “Le Muse dell’Onirico” si sono però viste assegnare due nomination: una per la Miglior Attrice Esordiente a Fausta Pesce, la nuova signora De Marchi (la vicina invidiata); un’altra per la Miglior Attrice Protagonista a Daniela Capra, interprete di Teresa Brandolini. Decisamente non poco, per le “ultime arrivate nel giro”.

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 143 (giugno 2019), p. 8.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.