martedì 23 ottobre 2018

Filippo Panzera: l’ottimo buongiorno di un artista

filippo panzera autoritratto manerbio
Filippo Panzera, Autoritratto (2018)

Si suol dire che “il buongiorno si vede dal mattino”. Impiegando la consueta metafora di infanzia e preadolescenza come  “mattino della vita”, ci permettiamo di prevedere che la carriera artistica di Filippo Panzera sarà una “giornata luminosa”. A dodici anni, ha già visto una mostra personale che porta il suo nome, allestita nella Biblioteca Civica di Manerbio dal 22 settembre al 20 ottobre 2018. L’inizio dell’esposizione è così coinciso con la Notte delle Fiabe, dedicata in particolare a Cappuccetto Rosso. Di fiabesco hanno molto anche stile e soggetti del giovanissimo pittore. Prevalgono gli animali, sia reali che ritoccati dall’immaginazione, insieme a due personaggi di fantasia: “Iron Man” (colori ad olio su legno, 2015) e il  Darth Vader di “Guerre Stellari” (“Seguimi nel lato oscuro”, carboncino su legno, 2016).
            Per restare in tema con Cappuccetto Rosso, uno degli animali ritratti era proprio “Il lupo delle fiabe” (acquerello su cartoncino, 2017), seguito da un tenero e apparentemente timoroso cerbiatto (“Nel bosco”, acquerello su cartoncino, 2017). Nettamente più esotico era “Il re della foresta”, primissimo piano d’un leone (acquerello su cartoncino, 2017). Nel cuore di Filippo, però, ci sono soprattutto i delfini, ritratti in coppia ne “Il mio animale preferito” (pastello acquerellabile, 2018). “La colomba” (olio su legno, 2017) è assai meno naturalistico degli altri: una rappresentazione simbolica a colori caldi, imparentata con un’altra colomba: quella che spiega le ali ne “La resurrezione” (gessetti su cartoncino, 2016). 
filippo panzera il re della foresta manerbio
Filippo Panzera, Il re della foresta (2017)
“Il leopardo” (carboncino su carta, 2015) è rappresentato con uno sguardo tenero e abbacchiato che lo fa parer, piuttosto, un buon gattone… Così come nei ritratti del lupo e del leone, nelle opere di Panzera la fantasia e il vagheggiamento sembrano cancellare la ferocia. Ciò che interessa all’artista è la bellezza dell’animale, al di là della sua pericolosità. Per questo, un leopardo può essere tranquillamente accostato a due dolci cagnolini: “Il cucciolo” (grafite su cartoncino, 2014), e “Odie” (gessetti e acrilico su legno, 2016), il compagno d’avventure del gattone Garfield.
            L’opera che ha dato un volto anche alla mostra è però l’ “Autoritratto” (olio su legno, 2018): una rappresentazione “simbolista” a colori vivaci, in cui l’immagine dell’artista è decentrata rispetto al paesaggio onirico che costituisce lo sfondo. È quasi un riassunto della musa di Panzera: la realtà guardata con occhio affettuoso e sognante. L’esposizione dimostra che la spensieratezza e la fantasia possono convivere con un talento e un’abilità tecnica precoci. Difficile fare previsioni sugli esiti di una vita all’inizio. Ma, se questo è il principio, Filippo Panzera potrebbe sorprenderci.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.