venerdì 25 gennaio 2019

“Alice nel Paese delle Meraviglie” in teatro a Manerbio


La stagione dedicata ai bambini, al Teatro Civico “M. Bortolozzi” di Manerbio, si concluderà domenica 24 febbraio 2019, con Alice nel Paese delle Meraviglie. Come gli altri titoli, si tratta di un classico, ma rivisitato con brio e originalità. La compagnia è sempre Il Nodo Teatro, con la regia di Raffaello Malesci. 

alice nel paese delle meraviglie il nodo teatro            La famosa bambina, forse la più curiosa che sia mai esistita, nacque nel 1865 dalla penna dell’inglese Charles Lutwidge Dodgson (1832-1898), noto con lo pseudonimo di Lewis Carroll. Nella sua vita di tutti i giorni, era diacono della Chiesa anglicana, matematico e fotografo: nulla che facesse pensare alla letteratura fantasy o per l’infanzia. Mai dare per scontati questi uomini seri: sanno sorprendere… Soprattutto, quando incontrano le loro piccole Muse ideali. Nel suo caso, si trattava di Alice Liddell, figlioletta del decano della Christ Church a Oxford. Ispirandosi alla bambina, scrisse appunto Alice nel Paese delle Meraviglie (1865) e Attraverso lo specchio (1871). I contenuti sono noti al grande pubblico soprattutto tramite il film d’animazione disneyano (1951). Nel 2010, Alice in Wonderland è stato riproposto sul grande schermo con la regia di Tim Burton, per mostrare come sia diventata la protagonista, una volta cresciuta.
            La versione che Il Nodo Teatro porterà a Manerbio si distaccherà da Disney per sottolineare in altri modi l’allegria e la stravaganza. Così ha anticipato Elisa, membro della compagnia: “Giocando con musiche, colori e le abilità poliedriche della coppia di attori (Giorgio Mosca e Fabio Tosato) impegnati nella creazione dei personaggi bizzarri e improbabili che meravigliano Alice (Elisa Benedetti), lo spettacolo accompagna lo spettatore in un viaggio folle, intricato e fantastico, con accenti onirici e citazioni divertite della quotidianità. Il racconto, allora, si rinnova e si arricchisce di nuovi spunti che inebriano e divertono.” I nonsense che punteggiavano l’opera di Carroll saranno ovviamente attualizzati e accentuati.
            Il regista Raffaello Malesci ha collaborato con le varie figure professionali che hanno realizzato la messa in scena, per armonizzare al meglio ogni dettaglio. Lui e lo scenografo Fabio Tosato hanno optato per un progetto che punta sul simbolismo e la semplicità.
I costumi disegnati da Nadia Fezzardi danno il via libera a colori e forme stravaganti, cappelli (fatti a mano dalla stessa Nadia Fezzardi) e accessori fuori misura, che donano un ulteriore tocco di eccentricità. Non resta che accompagnare i bambini nel Paese delle Meraviglie…

Pubblicato su Paese Mio Manerbio, N. 140 (gennaio 2019), p. 10.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.