lunedì 8 gennaio 2018

Polli d'allevamento

Vivono stipati in alloggi ristretti. Il loro cibo è artificioso e insano. Sono imbottiti di medicinali, per compensare le condizioni di vita non salutari. Mai aria limpida, mai contatto con la terra. La loro luce viene da lampade, non dagli astri. Conducono un’esistenza anaffettiva; si riproducono con ritmi innaturali che, spesso, necessitano di ricorso a biotecnologie. 
polli d'allevamento
Polli d'allevamento
Il ritmo della loro giornata è così frenetico che non hanno nemmeno tempo di farsi domande. Non di rado, sono tanto anestetizzati da qualunque stimolo creativo, intellettivo o sentimentale da non provare nemmeno interesse per le questioni esistenziali. Qualora se ne ponessero, probabilmente, si troverebbero a guardare nella voragine dell’assurdo.
L’unico fine delle loro vite è quello di essere comprati e venduti. Ma non lo sanno. A quasi ogni parte del loro corpo, a ogni loro funzione fisiologica può essere assegnato un prezzo di mercato, volendo.
Bellezza, sentimento, desiderio… Sprechi. Anzi: non sanno nemmeno cosa siano. La vita è una successione di nascere-mangiare-defecare-produrre-morire, in un quadro il più possibile essenziale e asettico. Nessuno si sogna di sprecare soldi per loro. Ci sarebbe pure il rischio che si mettessero in testa idee strane, che cominciassero a pensare a qualcosa di diverso… che l’esistenza potrebbe essere fuori da un capannone, fuori da quei micro-alloggi affollati. Potrebbero guardare in alto, scoprire che vivere è respirare a pieni polmoni, avere dentro di sé la forza di cinque elementi. E, magari, si incavolerebbero di brutto per le condizioni a cui sono stati ridotti.
Ci sono pure quei rompiscatole che scrivono, manifestano e alzano la voce continuamente, per rivendicare i presunti diritti di queste bestie… Ma cosa vogliono? Fanatici, gente con la testa tra le nuvole, sconsiderati che ci porteranno alla rovina. In fondo, non sono migliori degli altri. Non campano forse anche loro del sistema economico che ha bisogno dello sfruttamento di questi docili animali?
Ma no… dopotutto, non c’è rischio che questi disgraziati si sveglino. Il loro cervello è proverbialmente piccolo. È già un miracolo se riescono a guardare oltre l’orlo del cubicolo. Pensare costa fatica. Soffrire gli spasimi della crescita esistenziale costa fatica. Certamente, costa di più che procedere d’inerzia, verso un destino già fissato non si sa bene da chi. Sprecare la propria esistenza non è un tormento. Se anche sapessero che alcuni loro simili vivono o hanno vissuto al calore del sole, col profumo della terra, innamorandosi, godendo e vedendo crescere i propri piccoli… sarebbero inorriditi dal sapere che non hanno/avevano alloggi riscaldati come i loro e giornate minuziosamente programmate. Li chiamerebbero barbari e sarebbero anche fieri di non somigliare a loro. Il punto è che hanno proprio disimparato quella sana "barbarie" che è il destreggiarsi nella vita.

E non è detto che stia parlando dei polli.


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.