mercoledì 25 settembre 2013

Un sogno


“Ero a passare il ponte
su un fiume che poteva essere il Magra
dove vado d’estate o anche il Tresa,
quello delle mie parti tra Germignaga e Luino.
Me lo impediva uno senza volto, una figura plumbea.
‘Le carte’ ingiunse. ‘Quali carte’ risposi.
‘Fuori le carte’ ribadì lui ferreo
vedendomi interdetto. Feci per abbonirlo:
‘Ho speranze, un paese che mi aspetta,
certi ricordi, amici ancora vivi,
qualche morto sepolto con onore’.
‘Sono favole –disse– non si passa
senza un programma’. E soppesò ghignando
i pochi fogli che erano i miei beni.
Volli tentare ancora. ‘Pagherò
al mio ritorno se mi lasci
passare, se mi lasci lavorare’. Non ci fu
modo d’intendersi: ‘Hai tu fatto–
ringhiava– la tua scelta ideologica?’
Avvinghiati lottammo alla spalletta del ponte
in piena solitudine. La rissa
dura ancora, a mio disdoro.
Non lo so
chi finirà nel fiume.”

VITTORIO SERENI

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.