domenica 9 ottobre 2011

La croce e il pallone



S’incastona discretamente, in via S. Martino, la vecchia “Scià Bàs”; sul portone, un’insegna dipinta: “Oratorio”.
            L’oratorio “S. Filippo Neri”, col suo dinamismo, reca la fresca impronta di don Domenico Paini, che lo diresse per sette anni. Nel 2008, ha passato il testimone a don Oscar La Rocca; il giovane direttore si è presto accattivato ragazzi e collaboratori, col proprio carattere mite. L’oratorio prosegue dunque il proprio impegno come luogo di formazione ed aggregazione.
            Nel 1880, nacque l’Oratorio Maschile, ad opera di don Giovanni Ravera. Fu consolidato da don Eugenio Cassaghi, il cui trasferimento mise in forse l’opera. All’inizio del XX secolo, fu acquistato dalla parrocchia, in via S. Martino, l’appezzamento ove sorge la sede attuale. Quel primo nucleo era ben ridotto rispetto al complesso odierno. I suoi locali erano compresi nell’edificio sul retro del campo da calcio dove oggi si allenano i ragazzi della “Virtus Manerbio”. Negli anni ’60, quel primitivo oratorio comprendeva circa una decina di aule delle scuole medie, complemento necessario per ragioni di spazio. Un’ulteriore sala era adibita a cinema parrocchiale. Vi regnava un clima simile a quello delineato, con ironia e lirismo, da Giuseppe Tornatore in Nuovo Cinema Paradiso. I film erano accuratamente selezionati e censurati, in tempi in cui gambe femminili ed effusioni amorose potevano sembrare audaci su un grande schermo. I più ardimentosi frequentavano, piuttosto, il Cinema Astra, meno timorato. Fu poi fondato il Centralcine (1962), ribattezzato “Politeama” da mons. Gennaro Franceschetti (1994), quando fu ristrutturato in chiave neoclassica. Oggi è l’unico cinematografo permanente di Manerbio.
            Il “Ciambellone”, il rotondo Palazzetto dello sport che oggi domina l’oratorio, fu voluto da mons. Virgilio Casnici (1958 – 1973). Così esortava i fedeli a contribuire: “A gioventù nuova, oratorio nuovo!” Tuttavia, i fondi scarseggiarono a lungo, facendo di quell’iniziativa edilizia una nostrana “fabbrica del Duomo”.
            Ultimo edificio ad aggiungersi fu il Palazzo Bersani, che ospita anche la casa del direttore. Fino al 2008, fu la sede dell’Istituto per i servizi commerciali “S. Filippo Neri”, ereditato dalle gestione delle Suore Orsoline con la scuola elementare “S. Angela Merici”.
            Attualmente, l’oratorio è luogo d’incontro e passatempo per ragazzi e bambini non necessariamente devoti. È gradevole il bar, con i suoi videogiochi, il biliardo, il ping-pong ed il calcetto. Per i più piccoli, c’è un parco-giochi dotato di scivoli, altalene, dondoli ed un mini-castello. Non è raro vedere –a riprova dell’apertura multietnica- bambini dalla pelle bruna, accompagnati da madri in sari e con la fronte segnata dal bindi, il circoletto rosso delle donne indiane.
            Presso l’oratorio ha avuto luogo l’esperienza teatrale della compagnia “Suzao – Vivere insieme”, che negli anni scorsi ha portato in scena musical come Godspell e Scusi, lei ci crede ai miracoli? Iniziativa in linea con lo spirito del “S. Filippo Neri”, che valorizza i giovani e la loro religiosità fresca, solare.
            Ogni anno, poi, i ragazzi dell’oratorio partono per il cosiddetto “campo-scuola”: giorni da trascorrere insieme in graziose località montane, fra giochi, preghiere e riflessioni. Massimo obiettivo dei “campi” è suscitare nei ragazzi l’affiatamento di una famiglia.
            Durante l’anno scolastico, il “S. Filippo Neri” mette un locale a disposizione del Centro di Aggregazione Giovanile (C.A.G.), per le sue attività di ricreazione e doposcuola. Bisogna ricordare anche la collaborazione con il Comune di Manerbio e la Scuola Primaria nell’iniziativa “L’Altra Estate”: laboratori, compiti e giochi per bambini dai 6 agli 11 anni (vedi Paese Mio, agosto 2011, pag. 3).
            Soprattutto, però, l’oratorio si fa luogo comunitario in occasione del “Gruppo estivo”, il celeberrimo “Grest”. Nacque nel 1971, ad opera di don Firmo Gandossi, seguito dal suo collaboratore don Fausto Botticini. Allora, si chiamava “Ranch dell’amicizia”; le otto squadre raccoglievano i ragazzi di ciascuna diaconia. Ad ognuna era assegnato un ritaglio dell’attuale parco-giochi: là, ogni squadra costruiva il proprio stand, sua sede per tre settimane di giochi e tornei.
Ora, il “Grest” raduna i giovanissimi ogni anno, a luglio; le squadre hanno nomi coloriti, ispirati alla Bibbia o a kolossal fantasy (Shrek; Il Signore degli Anelli…). Un grande pregio del “Grest” è la sua trasversalità: ossia, unisce ragazzi di quasi tutte le famiglie manerbiesi, comprese quelle più estranee agli ambienti parrocchiali.
            Coinvolgeva largamente Manerbio anche la processione “Camminiamo per un dono”. Don Ezio Bosetti (1986-1989), direttore dell’oratorio, la ideò come mezzo di raccolta fondi per beneficenza. Don Ezio è ricordato anche per aver preso la difficile decisione di impedire il passaggio delle automobili all’interno dell’oratorio, a salvaguardia dell’incolumità dei ragazzi.
            Tra alti e bassi, dunque, il “S. Filippo Neri” vuole rimanere un luogo accogliente, a misura di giovani e giovanissimi che desiderano conoscersi, impegnarsi e divertirsi. A ciò contribuiscono –diversi, ma non opposti- una croce e un pallone.


Erica Gazzoldi


Da "Paese Mio Manerbio", ottobre 2011

http://www.giornalepaesemio.it/
https://www.facebook.com/#!/giornalepaesemio
https://www.facebook.com/#!/group.php?gid=52034580935


Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.