domenica 10 agosto 2014

Come affrontare la convivenza con una veterocasalinga – I consigli di Dentella D’Erpici

Sembra incredibile, ma esistono ancora. Gli esemplari di Mulier domestica, o veterocasalinga, o casalinga a tempo pieno allignano tuttora nelle aree provinciali del Bel Paese, soprattutto nelle fasce sociali a reddito medio-basso. Questa specie in via d’estinzione è naturalmente predisposta alla domesticazione e ciò presenta enormi vantaggi per l’Homo sapiens sapiens. Purtroppo, però, la lunga coabitazione con una veterocasalinga può essere anche rischiosa, a causa dell’irrefrenabilità dei suoi umori uterini. Ecco alcune cose da sapere per non soccombere sotto di lei nella lotta per la sopravvivenza:

1.      Il lupo perde il pelo, ma non il vizio. Qualche decennio fa, la Mulier domestica era una specie capillarmente diffusa sulla penisola italica. Il terzo millennio ha visto una netta riduzione del numero di esemplari. Ciò significa che la veterocasalinga odierna, in molti casi, avrebbe avuto altre possibilità di vita, ma non le ha scelte, perché irrimediabilmente vocata al ruolo di avvoltoio… ehm, angelo del focolare. Ergo, non potete sperare di ammansirla con il semplice addomesticamento. Dura natura, sed natura;
2.      L’uomo e il sabato. “Il sabato è fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato” par che abbia detto un certo Gesù Cristo. Parole sante in ogni senso. Le si potrebbe ripetere con la “casa” in luogo del “sabato”. Peccato che la veterocasalinga non lo intenda. Per lei, la Casa è un dogma. Una biro fuori dal portapenne, un cuscino non sprimacciato, un libro fuori dallo scaffale sono blasfemie e pericolose sovversioni dell’Ordine Costituito (da lei). A noi (poveri) Cristi, colpevoli di stare in casa per viverci e non per contemplarne la cosmica perfezione, restano due strade: l’eresia aperta o il nicodemismo. Ovvero: rispondere agli attacchi della fiera con un sano estiqaatsi, o lasciarla cuocere nel suo brodo, proseguendo frattanto nella nostra direzione ostinata e contraria;
3.      Chi ci salverà dall’amore? Ah, già: non dimenticate che tutto quello che la veterocasalinga fa è per vostro ammooooreeeee. Per dedicarsi interamente a voi, ha azzerato quasi ogni altro interesse nella vita: sacrificio estremo che voi non vi siete mai sognati di chiederle, neppure nei vostri incubi più perversi. Tuttavia, lei, per questo suo autosacrificio, si sente in buon diritto di chiedere compensazioni: dal sopportare i suoi strilli (inaccettabili anche a un lavatoio), al farle passare in rassegna qualunque lembo di stoffa vi sogniate di mettervi indosso (con la scusa di pulizia/praticità/decenza). A quel punto, comprendete il trucco: l’eroica dedizione della veterocasalinga è solo un inzuccherato strumento di controllo sulle vostre vite, con cui lei esorcizza le proprie ansie. Psicopatologia della quotidianità;
4.      Delitto e (auto-)castigo. Se la veterocasalinga è esigente con gli altri, non crediate che non lo sia con se stessa. Ogni piatto di pasta meno condito del solito, ogni vaghissima ditata rimasta sul piano del tavolo possono dar luogo a lunghissimi rituali di autoaccusa dinanzi ai familiari, più indifferenti che di fronte a litanie in sino-giapponese. Per prudenza, nascondere tutto quel che può somigliare a un cilicio o a un flagello;
5.      Conclusioni: Cosa fare? Se voleste, in ogni caso, tentare d’ammansire l’indole della Mulier domestica, un po’ di sano femminismo potrebbe fare al caso vostro. Niente di radicale, intendiamoci: basterebbe somministrarle qualche uscita al cinema o con le amiche, lasciando vivere per un po’ le povere camicie da stirare. Pian piano, l’esemplare vedrà attenuarsi l’aspetto forastico dei propri comportamenti. In ogni caso, prima di esaltare le brave-donne-tutte-casa-e-famiglia, meglio pensare all’altra faccia della medaglia. Perché la cura della prole sarà anche naturale, ma la Natura è matrigna.


Dentella D’Erpici

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.